Roberto Di Egidio, “La mia Waterloo ventricolare”

di Elisa Bolchi