26.11
2022
Negli studi critici epistemologici, in particolare in quelli sulla Natura, solo di recente si è iniziato a prendere in considerazione l’influenza dell’operatore sull’impostazione o sui materiali dell’esperimento. Rosa Pierno in questo suo Botanico Brogliaccio, poemetto arcadico contemporaneo che mostra, e narra al contempo, la costruzione di un erbario, propone un appassionante viaggio che tratta alla stessa maniera la natura dell’opera e l’influenza della sperimentatrice nella costruzione dell’opera stessa. Ogni

Cronache dalla terra di nessuno di Maria Giovanna Massironi

di Rita Bompadre, in Letture

Cronache dalla terra di nessuno di Maria Giovanna Massironi è una raccolta poetica intensa che assorbe dalla consapevolezza del dolore la linfa vitale e compassionevole della memoria. La poesia di Maria Giovanna Massironi accoglie testi arrendevoli al disagio emotivo e&hellip

14.11.2022 Commenti chiusi

Le correzioni di Jonathan Franzen

di Valentina Beretti, in Dissezioni

Le correzioni è il primo libro di Jonathan Franzen che mi sia trovata sotto mano, e senza dubbio continuerò a leggere questo autore. Lo scrittore ha una penna sapiente e affilatissima, capace di scavare nella materia letteraria e dare forma&hellip

16.10.2022 Commenti chiusi

Wonder boy di Daniele Musto

di Riccardo Sapia, in Letture

Nei libri, nei romanzi per esattezza, l’autore solitamente decide un fulcro attorno al quale svolgere e riavvolgere la storia, farla ruotare insomma. Anche Musto in questo libro, ma anche nel precedente, non è da meno. In Holiday club. Cartoline dall’inferno&hellip

8.10.2022 Commenti chiusi

Quartetto per la fine del tempo di Roberto Amato

di Lorenzo Leone, in Letture

Scrittore appartatissimo, straordinariamente schivo, Roberto Amato esce con un nuovo titolo, Quartetto per la fine del tempo (Eliott, 2022), e gliene siamo grati.  Confesso anche – è opportuno ricorrere alla prima persona – di scoprire Amato scrivendone – scrivendo di&hellip

1.10.2022 Commenti chiusi

L’indegno di Antonio Monda

di Stefano Aiello, in Dissezioni

Da sempre leggo immotivatamente poca letteratura italiana, che sia classica o contemporanea. Ma quando quest’anno ho scoperto Zebio Cotal di Guido Cavani, innamorandomene (quante volte ho detto che ho amato quel romanzo?) mi sono deciso a leggere almeno un libro&hellip

3.09.2022 Commenti chiusi

I padri lontani di Marina Jarre

di Alessandro Tenaglia, in Letture

Marta Barone, curatrice di questa nuova edizione di questo libro irrinunciabile, apre il suo saggio introduttivo, dal titolo ‘La caparbia distanza’, con la seguente frase: «Marina Jarre è stata un grande e protratto mistero». Tutto è in questo titolo e&hellip

7.08.2022 Commenti chiusi

  • La casa mangia le parole di Leonardo G. Luccone

    7.11.2019, di Enzo Baranelli

    Grande esordio nel romanzo di Leonardo G. Luccone  con “La casa mangia le parole” (edito da Ponte alle Grazie). Dialoghi superbi come è raro incontrarne nella letteratura italiana contemporanea. La storia parla della crisi coniugale tra i coniugi De Stefano, ma non solo, anzi grazie al personaggio di Moses, un hacker (semplifico) fuggito dall’America all’Italia che parla di tutto il suo passato e della lotta ai siti istituzionali e soprattutto dell’ambiente (la società di Roma dove lavora insieme a De Stefano si occupa di bioedilizia e pannelli solari e pale eoliche ecc.). Ci sono splendidi cambi di registro che movimentano l’intera opera. Belli i passaggi dal presente al passato. Man mano che si avanza verso la fine, la scrittura si fa più tesa, quasi per prepararci a un finale inaspettato ed esageratamente crudele. A tratti dispersivo, si sarebbe potuto tagliare qualche pagina, e presentare un romanzo più snello ed elegante. Rimane un’opera pregevole. Leonardo G. Luccone, “La casa mangia le parole“, pp. 528, 18 €, Ponte alle Grazie, 2019. Giudizio: 4/5. (Commenti disabilitati su La casa mangia le parole di Leonardo G. Luccone)
  • La vita finora di Raul Montanari

    19.04.2018, di Enzo Baranelli

    Bisogna ringraziare Raul Montanari per aver scritto questo romanzo commovente e insieme rabbioso. La trama circonda a poco a poco il lettore e, unita a una scrittura limpida e ricca di presentimenti e presagi, dà vita a un racconto travolgente sulla natura del Male. Di certo l’avventura del professor Laurenti in un paese sperduto al termine di una cupa e feroce valle lombarda rimarrà a lungo nella mente del lettore, soprattutto dopo aver affrontato le ultime entusiasmanti pagine di questo romanzo straordinario. “La vita finora” è un libro imperdibile. Giudizio: 5/5 (Commenti disabilitati su La vita finora di Raul Montanari)
  • 1947 di Elisabeth Ã…sbrink

    6.04.2018, di Enzo Baranelli

    Un libro indispensabile. Mentre fa luce sull’anno 1947, l’autrice parla, come in un sottotesto lievemente nascosto, del nostro tempo. Oppure sono i nostri giorni che trovano uno specchio. Profughi e nuovi nazisti, la coniazione della parola genocidio, la nascita dello Stato di Israele, sono tante le tessere del puzzle che compongono “1947”; una lettura illuminata e illuminante. Elisabeth Åsbrink, “1947”, (trad. A. Borini), pp. 314, 18 €, Iperborea, 2018. Giudizio: 5/5. (Commenti disabilitati su 1947 di Elisabeth Åsbrink)
  • Giudizi Universali
  • Titoli

    24.06.2011, di Enzo Baranelli

    Dopo “Il negoziatore”, “L’allieva”, “L’esecutore”, “L’attentatore”, “Il suggeritore”, “L’adepto”, “Il carnefice”, “Il divoratore” arriva L’INFORMAZIONISTA! Rizzoli è sempre un passo avanti…… (Commenti disabilitati su Titoli)
  • Una catastrofe del giornalismo

    14.01.2010, di tamas

    A voi studenti di discipline giuridiche che avete difficoltà a comprendere le fattispecie di reato, “Il Giornale” mostra oggi un esempio di falso ideologico. Perché non solo non è vero che il terremoto di Haiti è colpa dell’anticapitalismo, ma non è vero neanche che ad Haiti non sono capitalisti: solo che sono capitati dalla parte sbagliata del capitalismo.… (Commenti disabilitati su Una catastrofe del giornalismo)
  • Scambio alla pari

    20.10.2009, di

    ULTIMORA ANSA: lo scambio alla pari chiude la trattativa: nella prossima stagione Piero Grasso guiderà la mafia, Matteo Messina Denaro l’antimafia. Soddisfatte le società.… (Commenti disabilitati su Scambio alla pari)
  • Bysanzino

Altri post