29.06
2022
Disgregazioni di Marco Antonio Sergi (Quaderni d’arte – Eretica Edizioni, 2021), con i disegni di Simone Capriotti, è un’opera originale che dimostra come il sodalizio artistico e poetico sia in grado di rafforzare tra le pagine i contenuti della dimensione estetica, il significato della forma d’arte. L’unione dei due codici espressivi illustra la corrispondenza esistenziale nel senso di vuoto e di smarrimento, il segno rapido e disorientante dell’assenza, indica il…

Sfondate la porta ed entrate nella stanza buia di Enrico Macioci

di Riccardo Sapia, in Letture

Si legge per passare il tempo, si legge per acquisire informazioni e si legge, soprattutto, per riflettere, per fermare l’attenzione su qualcosa che fino a quel momento ci era molto probabilmente scivolata via; e ciò, il più delle volte, succede&hellip

4.06.2022 Commenti chiusi

Lavare la propria macchina

di Alessandro Tenaglia, in Finzioni

Attività maschili: lavare la propria macchina. Se possibile farlo nel proprio parcheggio-giardino privato, purché in vista. Meglio. Attività da svolgersi rigorosamente in calzoncini da bagno e a torso nudo: che il sudore si mischi agli spruzzi d’acqua. Soprattutto se è&hellip

30.05.2022 Commenti chiusi

Prima della voce” di Paolo Parrini

di Rita Bompadre, in Letture

L’opera Prima della voce di Paolo Parrini (Samuele Editore – Collana Callisto, 2021, pp. 70, € 12.00) parla al cuore della vibrazione poetica, modula i segni espressivi dello stupore interiore, trasmette l’essenza iniziale delle parole considerando la materia comune della&hellip

21.04.2022 Commenti chiusi

Fifty-Fifty. Sant’Aram nel Regno di Marte di Ezio Sinigaglia

di Lorenzo Leone, in Letture

La recentissima pubblicazione per Terrarossa del secondo e conclusivo volume di Fifty-Fifty potrebbe procurare al recensore difficoltà di quelle patentemente sproporzionate agli scopi di una recensione e sulle quali, nondimeno, mette conto intrattenersi un momento. Avevo già recensito (qui: urly.it/3maz0),&hellip

15.04.2022 Commenti chiusi

Addio al pianeta terra di Luciana Martini

di Stefano Aiello, in Letture

La fine del mondo si può declinare in molti modi: terza guerra mondiale, conflitto nucleare, disastro ambientale, ‘semplice’ entropia. Leggere Addio al pianeta terra di Luciana Martini, pubblicato da Bompiani per la prima volta nel 1965 e ora da Readerforblind,&hellip

8.04.2022 Commenti chiusi

La casa delle madri di Daniele Petruccioli

di Luana Mandarà, in Letture

Ho terminato di leggere questo romanzo d’esordio di uno stimato collega già da qualche settimana, ma non me la sono sentita di recensirlo subito; ho dovuto lasciarlo decantare nelle mie fibre, perché è lì che è andato a depositarsi. Come&hellip

23.03.2022 Commenti chiusi

  • La casa mangia le parole di Leonardo G. Luccone

    7.11.2019, di Enzo Baranelli

    Grande esordio nel romanzo di Leonardo G. Luccone  con “La casa mangia le parole” (edito da Ponte alle Grazie). Dialoghi superbi come è raro incontrarne nella letteratura italiana contemporanea. La storia parla della crisi coniugale tra i coniugi De Stefano, ma non solo, anzi grazie al personaggio di Moses, un hacker (semplifico) fuggito dall’America all’Italia che parla di tutto il suo passato e della lotta ai siti istituzionali e soprattutto dell’ambiente (la società di Roma dove lavora insieme a De Stefano si occupa di bioedilizia e pannelli solari e pale eoliche ecc.). Ci sono splendidi cambi di registro che movimentano l’intera opera. Belli i passaggi dal presente al passato. Man mano che si avanza verso la fine, la scrittura si fa più tesa, quasi per prepararci a un finale inaspettato ed esageratamente crudele. A tratti dispersivo, si sarebbe potuto tagliare qualche pagina, e presentare un romanzo più snello ed elegante. Rimane un’opera pregevole. Leonardo G. Luccone, “La casa mangia le parole“, pp. 528, 18 €, Ponte alle Grazie, 2019. Giudizio: 4/5. (Commenti disabilitati su La casa mangia le parole di Leonardo G. Luccone)
  • La vita finora di Raul Montanari

    19.04.2018, di Enzo Baranelli

    Bisogna ringraziare Raul Montanari per aver scritto questo romanzo commovente e insieme rabbioso. La trama circonda a poco a poco il lettore e, unita a una scrittura limpida e ricca di presentimenti e presagi, dà vita a un racconto travolgente sulla natura del Male. Di certo l’avventura del professor Laurenti in un paese sperduto al termine di una cupa e feroce valle lombarda rimarrà a lungo nella mente del lettore, soprattutto dopo aver affrontato le ultime entusiasmanti pagine di questo romanzo straordinario. “La vita finora” è un libro imperdibile. Giudizio: 5/5 (Commenti disabilitati su La vita finora di Raul Montanari)
  • 1947 di Elisabeth Ã…sbrink

    6.04.2018, di Enzo Baranelli

    Un libro indispensabile. Mentre fa luce sull’anno 1947, l’autrice parla, come in un sottotesto lievemente nascosto, del nostro tempo. Oppure sono i nostri giorni che trovano uno specchio. Profughi e nuovi nazisti, la coniazione della parola genocidio, la nascita dello Stato di Israele, sono tante le tessere del puzzle che compongono “1947”; una lettura illuminata e illuminante. Elisabeth Åsbrink, “1947”, (trad. A. Borini), pp. 314, 18 €, Iperborea, 2018. Giudizio: 5/5. (Commenti disabilitati su 1947 di Elisabeth Åsbrink)
  • Giudizi Universali
  • Titoli

    24.06.2011, di Enzo Baranelli

    Dopo “Il negoziatore”, “L’allieva”, “L’esecutore”, “L’attentatore”, “Il suggeritore”, “L’adepto”, “Il carnefice”, “Il divoratore” arriva L’INFORMAZIONISTA! Rizzoli è sempre un passo avanti…… (Commenti disabilitati su Titoli)
  • Una catastrofe del giornalismo

    14.01.2010, di tamas

    A voi studenti di discipline giuridiche che avete difficoltà a comprendere le fattispecie di reato, “Il Giornale” mostra oggi un esempio di falso ideologico. Perché non solo non è vero che il terremoto di Haiti è colpa dell’anticapitalismo, ma non è vero neanche che ad Haiti non sono capitalisti: solo che sono capitati dalla parte sbagliata del capitalismo.… (Commenti disabilitati su Una catastrofe del giornalismo)
  • Scambio alla pari

    20.10.2009, di

    ULTIMORA ANSA: lo scambio alla pari chiude la trattativa: nella prossima stagione Piero Grasso guiderà la mafia, Matteo Messina Denaro l’antimafia. Soddisfatte le società.… (Commenti disabilitati su Scambio alla pari)
  • Bysanzino

Altri post