Jay McInerney e il minimalismo

di Cav. Marcello Stacchia