La tregua di Mario Benedetti

di Chiara Condò

La tregua è il romanzo che ha consegnato a Mario Benedetti il suo posto all’interno della grande letteratura. Pubblicato in Uruguay nel 1960, il libro è stato ristampato per più di cento volte, tradotto in venti lingue e ridotto in…

Sotto una buona stella di Richard Yates

di Danilo Cucuzzo

Pubblicato per la prima volta nel 1969, otto anni dopo Revolutionary Road, è finalmente uscito anche in Italia (grazie alla solita Minimum Fax e corredato da una splendida prefazione di Francesco Longo) Sotto una buona stella, secondo romanzo…

La somma delle nostre follie di Shih-Li Kow

di Flavio Villani

Il mondo è molto, molto più vasto di quanto immaginiamo noi, piccoli italiani abbarbicati alla nostra provincia senza neppure il coraggio di guardare al mare nostrum con curiosità, chiusi come siamo fra le quattro mura di una provincia soffocante,…

Le canzoni dell’aglio di Mo Yan

di Danilo Cucuzzo

Pubblicato in Cina nel 1988 e finalmente uscito anche da noi grazie a Einaudi, Le canzoni dell’aglio, scritto dall’allora trentatreenne Mo Yan, rappresenta un perfetto esempio di realismo magico immerso nel mondo cinese, nel quale al racconto dei crudi…

Lo Scuru di Orazio Labbate

di Enzo Baranelli

Un libro dovrebbe essere un’ascia per rompere il mare ghiacciato dentro di noi” Franz Kafka. L’incipit è da brividi. Alcune citazioni per inserirvi nello stile particolarissimo dell’autore: “La gente aveva le facce scavate come teschi di coyote

Vita dopo vita di Kate Atkinson

di Flavio Villani

11 febbraio 1910: in una notte gelida e innevata, una bambina sta per nascere, ma il cordone ombelicale stretto intorno al collo glielo impedisce. In quella notte nascita e morte, come le due facce di una stessa medaglia, coincidono perfettamente.…

Anime baltiche di Jan Brokken

di Chiara Condò

Cosa direbbero i singoli protagonisti di questo reportage, che con una grazia così lieve e profonda li scruta e li racconta, restituendoli alla storia e alla geografia del secolo? Penso, per esempio, allo sguardo serio e distante che ha Loreta…