La madre di Eva di Silvia Ferreri

di Silvana Arrighi

“Irreversibile è una parola da cui non si torna indietro. Siamo salite su questo treno e il treno è partito quel giorno in cui, sfinita dal dolore, dalla paura, e dalla vita, ho detto . Da quel momento si

I dieci figli che la signora Ming non ha mai avuto di Eric-Emmanuel Schmitt

di Massimo Sola

I dieci figli di cui parla il titolo sono fatti della stessa pasta di Amleto e di don Chisciotte, di Anna Karenina e di Emma Bovary; sono vivi, pur non essendo mai nati, come lo sono tutti i personaggi della

Nella colonia penale di Franz Kafka

di Massimo Sola

In un non ben precisato paese dei tropici, un viaggiatore è invitato da un ufficiale della colonia penale ad assistere alla condanna di un soldato che ha disobbedito a un ordine alquanto assurdo, fare il saluto alla porta del suo…

Elogio di un Autore: Fredrik Sjöberg e “l’assillante paura di essere dimenticati”

di Silvana Arrighi

In occasione della pubblicazione de L’arte della fuga, libro conclusivo della trilogia iniziata con il bestseller mondiale L’arte di collezionare mosche (2015) (tradotto in 23 lingue e venduto in Italia in oltre 10000 copie) e proseguita con Il re dell’uvetta…

Elogio di un Autore: Javier Marías (Madrid, 1951)

di Silvana Arrighi

Non è cosa usuale per Cabaret Bisanzio pubblicare commenti “monografici”, su di un singolo autore. Ma la rubrica Dissezioni è, per sua natura, la “sala settoria” ideale per analisi e osservazioni anche su argomenti monotematici: serve solo l’oggetto –…