Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Racconti da un mondo offeso di Romano Augusto Fiocchi.

Racconti da un mondo offeso di Romano Augusto Fiocchi.

di Enzo Baranelli

“– Dall’alto del minareto vedrai tutto, – disse Mustafà, – potrai persino sognare di volare. Io lo faccio spesso, sai? Quando c’è il vento che soffia dal deserto chiudo gli occhi e sogno di volare. Ci riesco davvero. Persino quando scoppiano le bombe. Sogno che lo spostamento d’aria mi faccia volare via. Nella vita l’importante non è volare ma sognare di farlo”.

È la voce di un bambino di Baghdad che parla con un gatto disegnato. Gliel’ha regalato un soldato americano prima di cadere in combattimento. Il gatto disegnato e il bambino diventano subito amici. Come in una fiaba delle Mille e una notte, il gatto sprigionerà la sua carica di magia e di umanità. Ma sarà il piccolo Mustafà a trovare uno stratagemma per moltiplicarlo e diffondere la sua immagine di pace in tutto il mondo. Sino all’inevitabile finale pieno di amarezza.

“Il gatto del soldato” è solo una delle cinque storie che compongono “Racconti da un mondo offeso”. Le altre sono: Opernplatz”, storia di uno dei ventimila libri bruciati dai nazisti il 10 maggio 1933 nell’omonima piazza Berlinese, “Ragno di Mare”, cronaca di un inseguimento per mare di un ex marinaio libico che cerca di raggiungere il figlio fuggito a bordo di un barcone di migranti, “Zazì”, metafora del mondo degli uomini proiettato nel mondo delle mosche, e “Il ginkgo di Tienanmen”, evocazione della più grande protesta popolare della Cina moderna e al tempo stesso storia d’amore tra un giovane giardiniere della Città proibita e la studentessa Xiao Qin.

A rendere omogenei i cinque racconti, oltre al linguaggio sapientemente calibrato, sono le stesse voci narranti: un gatto disegnato, un piccolo libro di Thomas Mann, una vecchia barca di pescatori, un insetto filosofo, un bonsai cinese. Qui sta l’originalità del testo di Fiocchi: far parlare ciò che non ha parola. Ma originale è anche il progetto editoriale: “Racconti da un mondo offeso” uscirà per i tipi di Bookabook, giovanissima casa editrice milanese che autofinanzia i suoi libri attraverso il crowdfunding, in pratica un preordine delle copie. Lo scopo è creare una comunità di lettori che adottino e sostengano il libro prima ancora della pubblicazione. Il libro di Fiocchi ha dunque passato le selezioni qualitative e di commerciabilità iniziali, avviato la campagna di crowdfunding, raggiunto le duecento copie minime per entrare in catalogo, e a breve sarà in libreria. Chi volesse sostenere il progetto e prenotare una copia di “Racconti da un mondo offeso” ha tempo sino al 4 agosto. Tutto attraverso il sito delle edizioni Bookabook.

Romano Augusto Fiocchi / Bookabook / crowdfunding / € 10

https://bookabook.it/libri/racconti-un-mondo-offeso/

Giudizio: 5/5


3.07.2018 Commenta Feed Stampa