Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Meravigliosa Chicago (a cura di Nicola Manuppelli) di Theodore Dreiser

Meravigliosa Chicago (a cura di Nicola Manuppelli) di Theodore Dreiser

di Silvana Arrighi

Pagina tuttostoria“La città della quale ora sto per scrivere, non è mai esistita su terra o mare; se ogni tanto potrà sembrare avere i contorni della realtà, non saranno altro che le ombre proiettate da una gloria che allora era tutta nella mia testa. Racchiuso nel guscio del mio corpo o del mio cranio, c’era uno specchio che colorava tutto ciò che rifletteva”.

Si concentrano in poche pagine i ricordi dello statunitense Theodore Dreiser, risalenti alla sua infanzia ed adolescenza, vissute negli ultimi decenni dell’800 fra Terre Haute nell’Indiana e Chicago. Figlio di immigrati tedeschi assai poveri e di convinta fede cattolica, Dreiser (1871 –1945) è il padre riconosciuto del romanzo americano realista, soprattutto grazie a quello che è ritenuto il suo capolavoro, “Una tragedia americana”, che conta all’incirca mille pagine. Tuttavia il lavoro che mi accingo a recensire, estrapolato dalla sua autobiografia (per quanto ne so non tradotta in italiano per esteso), è probabilmente un bel condensato del suo pensiero. Si tratta di un volumetto esile, stampato a caratteri eleganti su carta raffinata, in una veste tipografica preziosa (questo in realtà non lo esime dall’essere incappato in ben più di un refuso, a fronte di un prezzo di copertina non trascurabile).

Dilatato da occhi di bambino, il ricordo è talvolta appannato, talaltra molto vivido. Tram a cavalli, litigi fra vicini di casa, ingiunzioni di pagamento, i carretti dei venditori di ghiaccio e di ramoscelli per il camino, visite domenicali in parrocchia con uno stuolo di fratelli e sorelle, sullo sfondo di una Chicago di fine ‘800 in vertiginosa crescita demografica, che, provenienti da tutto il mondo, “accoglieva orde senza fine di vagabondi, sfaccendati, delinquenti e Dio sa cosa”, piena di colori e suoni che, a leggerli, fanno pensare a tanti film americani visti e rivisti con nostalgico affetto. “Una città nuova e grande, totalmente elettrizzante e che traboccava di opportunità”. […] “Un sogno di Aladino nelle Mille e una notte”.

Non è solo un libretto di ricordi infantili: specie nell’ultimo breve capitolo “Lavorando come venditore ambulante a Chicago”, Dreiser racconta le sue prime esperienze fuori casa, con pochi dollari in tasca e un lavoro trovato “come una manna”. In realtà ci lascia molto di più, l’eredità molto lucida delle sue riflessioni, la descrizione dei quartieri “pittoreschi e terribili” di una Chicago già trasformata, deformata in una metropoli odorosa di birra acida e whisky scadente, acido urico e gas usciti dalle crepe delle fognature, con la sua “umanità ottenebrata”di abitanti sudici e degenerati, ciondolanti sui gradini dei locali o nei vicoli (“Forse avete visto i dipinti di Hogarth su Londra ai tempi di Carlo II – Il ciclo che va sotto il nome “La carriera del libertino“.).

(In basso: William  Hogarth - La carriera del libertino, L'orgia - 1735).hogarth--03

 

Nel finale emerge alta e forte l’opinione di Dreiser sulla società americana dell’epoca, spingendosi fino a dettare indicazioni (forse un po’ moraleggianti) sul modo intelligente in cui organizzarsi per darle un buon governo. “I saggi – che di tanto in tanto la natura sembra generare se non volontariamente, almeno per caso – potrebbero ragionevolmente fare in modo che agli individui più materialisti e più egocentrici e assolutamente privi di una concezione di bene collettivo non sia permesso sfruttare troppo spietatamente coloro che sono meno intelligenti o meno avari. […] Sebbene io non sia affatto dell’opinione che siamo nati liberi o uguali – nemmeno uguali di fronte a ogni tipo di legge – ciò nonostante sono favorevole a quei sistemi e metodi educativi e culturali grazie ai quali si può raggiungere un equilibrio fra chi è troppo debole e chi è troppo forte.[…] E la vera democrazia è per me un insieme di persone altamente organizzate e capaci di produrre piacere”.

Un libro breve, che non è neppure un libro, è un’atmosfera. Bene a fatto il curatore, Nicola Manuppelli, a regalarci questa piccola perla.

Theodore Dreiser, Meravigliosa Chicago, (a cura di N. Manuppelli), pp. 83, € 9,90, Mattioli 1885, 2015.

Giudizio: 5/5.


22.06.2015 Commenta Feed Stampa