Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Giudizi Universali > L’uomo di Lewis di Peter May

L’uomo di Lewis di Peter May

di Enzo Baranelli

Il finto noir di Peter May fa parte di una trilogia, di cui il primo volume (Blackhouse) è stato giustamente rifiutato dai maggiori editori inglesi (May, passata La Manica e trovato un editore francese, e, vinto qualche premio letterario, è rientrato in patria, dove ha poi pubblicato il suo giustamente pluririfiutato romanzo, senza problemi). Come il primo volume ovvero “Il cacciatore di uccelli” (titolo con cui venne edito in Francia e ripreso anche da Einaudi), L’uomo di Lewis” sfrutta la bellezza dei luoghi (in parole povere, la scenografia: May ha lavorato molto per la TV, e si vede) e racconta molto poco. Come noto, il noir scozzese non è assolutamente rappresentato da Peter Lewis, ma da McIlvanney (l’ispettore Laidlaw), Ian Rankin (l’ispettore Rebus) e Val McDermid (L’esecuzione). Giudizio: 2/5.


13.10.2013 Feed Stampa