Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Raylan di Elmore Leonard

Raylan di Elmore Leonard

di Enzo Baranelli

978880621230GRASe non mi vedi subito, comincia ad allenarti a cadere a terra finché non arrivo“.

Il romanzo del 2012 è un omaggio al protagonista, interpretato da uno straordinario Timothy Olyphant (già sceriffo nel cult Deadwood), della serie Justified, ovvero Raylan Givens, U.S. Marshal in Kentucky (la scena iniziale del pilot è ambientata a Miami). Leonard si diverte a mescolare episodi (di quattro stagioni) e sceneggiature che hanno decretato il successo della serie TV di cui l’autore è executive producer. Leonard sovverte le trame sia orizzontali, sia verticali della produzione FX. Dal punto di vista di un non appassionato, il volume è una versione reinventata dei personaggi apparsi in diversi racconti e novelle di Leonard, come “Fire in the hole“: un autore dai dialoghi impeccabili   e dalle trame cinematografiche o televisive (capolavori come Black Mirror, Luther, The Wire, The Bridge ecc. hanno prodotto uno slittamento del linguaggio di cinema e televisione, fino a creare ampie zone di sovrapposizione).walton-goggins-justified-320

Gli eventi in cui si viene catapultati leggendo questo grandioso romanzo di Leonard sono: il traffico di organi, gli interessi di una compagnia mineraria, una giovanissima fuggitiva amante del poker, e poi lui… Boyd -Walton Goggins- Dewey, l’ex neonazista che ha dato il via a tutta la serie di Justified con il suo “classico” avviso (nel caso specifico stava lanciando un RPG verso una chiesa): “Fire in the hole!”. Il finale è un intreccio ben calibrato tra sceneggiature (di cui vengono riprese alla lettera alcune battute) e la trama romanzesca che non lascia intuire, a chi non ne fosse già a conoscenza, la sua essenza fatta di più intrecci sovrapposti, come un aedo che narri insieme più racconti; non sarebbe un aedo altrimenti… Una perfetta lettura estiva (ma non solo: Elmore Leonard è un uomo per tutte le stagioni).

Elmore Leonard, “Raylan” (ed. or. 2012 – trad. Stefano Massaron), pp. 283, 18 euro, Einaudi, 2013.

Giudizio: 4/5.


28.07.2013 2 Commenti Feed Stampa