Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Le strade del male di Donald Ray Pollock

Le strade del male di Donald Ray Pollock

di Enzo Baranelli

pollock_OK_correttoIl diavolo non si arrende mai, sembra

Pollock ritorna in Ohio, nella sua Knockemstiff tra la fine della Seconda Guerra Mondiale e gli anni Sessanta, ampliando poi anche geograficamente la sua narrativa. I personaggi de “Le strade del male”  sembrano l’unione di quelli presenti nella raccolta di racconti “Knockemstiff (ed. or. 2008), il suo esordio. Non è un semplice collage, le vicende sono legate da una complessa e profonda rete di parentele, omicidi, vendette, in poche parole dal sangue.

Il titolo originale, forse di maggior impatto, “The Devil All the Time”, rende bene l’idea di Pollock di un mondo ostile e disonesto. L’autore ha scritto il suo volume d’esordio a cinquantaquattro anni dopo una vita passata come operaio in un macello e poi in una cartiera (aziende che compaiono nei suoi testi), e i racconti sono nati durante un corso che Pollock ha iniziato a frequentare con lo scopo di ottenere una riduzione dell’orario di lavoro. L’autore dimostra le sue capacità come scrittore nei dialoghi, secchi spesso punteggiati da un silenzio in cui il lettore intuisce il non detto (cosa non semplice) e con descrizioni cariche di emozione: “Il bianco dei suoi occhi era ricamato da vene rosse, e la sua faccia grassa, pallida, e non rasata sembrava un astro freddo e distante nel riflesso della lampadina appesa sopra il tavolo”. Poi possono esserci delle aperture inaspettate che ci spalancano l’anima dei personaggi, ad esempio Carl, un omicida seriale, con più di una perversione, capace di essere protagonista di un capitolo, come altri assai crudo, che però ha questa conclusione: “Per un istante mentre quei due si allontanavano pompando sui pedali e ridendo come non avessero un solo pensiero al mondo, Carl desiderò di essere qualcun altro”. Per Donald Ray Pollock le persone desiderano, sperano, ma sono come attratte da una discontinuità, un buco nero che le fa essere esattamente come sono.

Donald Ray Pollock, “Le strade del male”, (ed. or. 2011), pp. 254, 16,50 euro, Elliot, 2011.

Giudizio: 5/5.


28.09.2011 2 Commenti Feed Stampa