Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Giudizi Universali > L’ultimo lupo mannaro di Glen Duncan

L’ultimo lupo mannaro di Glen Duncan

di Enzo Baranelli

Uno scrittore di buon mestiere. Una trama che purtroppo non cede quasi niente all’ironia e assolutamente nulla all’inventiva più visionaria. Il risultato è una pallida imitazione del capolavoro che si sarebbe potuto scrivere. Giudizio: 2/5.


24.07.2011 Feed Stampa

4 Commenti

Commenta
  • Commento di Emy, 8.09.2011 #

    Evidentemente abbiamo letto due libri diversi, io l’ho trovato ricco di suspence, avvincente, capace di far riflettere e di spaziare da un tema all’altro senza apparire mai banale.
    L’ho letto due volte di fila, con grande soddisfazione.

  • Commento di Iannozzi Giuseppe aka King Lear, 28.03.2012 #

    Sintetico e feroce, da vero lupo mannaro questo giudizio. Bene.

  • Commento di Enzo Baranelli, 28.03.2012 #

    Grazie, ma calcola che io non “l’ho letto due volte di fila”… E’ solo a me che pare strano terminare un romanzo e ricominciare immediatamente a leggerlo? Credo che la seconda o terza o quarta lettura abbiano un senso quando sono fatte lasciando trascorrere del tempo.

  • Commento di Emy, 29.03.2012 #

    Originale osservazione. Io invece credo che un buon libro sia come un bicchiere di buon vino.. se ne vale la pena puo’ essere assaporato meglio al secondo, terzo o quarto passaggio, per gustarne fino in fondo le sfumature e peculiarità che in un primo momento possono sfuggire. ;-)