Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Finzioni > La fine del villano

La fine del villano

di tamas

Sarà stato de giugno o de luglio, ché el gra’ daggià l’eva1 battuto e sui campi pelati c’era solo qualche fiezza de fie’2 che toccava a gi’ a arcoglie. Sarà stato de giugno e de quei tempi el sole veglia parecchio: prò cominciava a gi’ giù e non se fiottava3 più dal caldo, e ‘l cuntadi’ de quel poggio, non m’arcordo como glie diceva, era salito su la piaggia e s’era fatto tutto el campo.
Era arrivato sul bordo de sopre, a la capezzagna4 e al greppo5; de là de quel greppo c’era ‘n fossettello e na macchia, e pu ‘n se vedeva gnè. El cuntadi’ el sapeva quel che c’era de là, prò glie gustava de vara’ verso du che stava la macchia e fa’ finta de induvina’ quel che ce poleva esse de oltro. Giucava a lo strollico6, dimo, como fosse un munello e no un giuggiolo’7 ch’eva pure sposato da poco.
Como sia, quel giorno el cuntadi’, fermo su la capezzagna, s’è messo a vara’ ‘l greppo; a piedi del greppetto c’era i giai8 mezzi secchi, e a metà c’era quei fiori che glie se soffia e vola via tutti i sfiuti9 e quando soffi tocca a esprime n desiderio. Lue manco ce l’eva un desiderio, lì per lì, prò, capace perché glie gustava de fa’ lo strollico, s’è cucciato uguale a carpi’ ‘l soffio’: e como s’è cucciato ha ‘nteso un bezzico sopre la spalla, e glie parea un mosco da gnè, solo che mentre se artirava su ha visto un lampetto che luccigava e pu arboccava10 ntel greppo, e ha arconosciuto la vipera.
Allora el cuntadi’ ha cominciato a bastigna’, a piagne e bastigna’, perché eva capido lì per lì che cu ‘n mosco a paro del collo non poleva fa’ gnè, non poleva salvasse e non poleva manco artorna’ a muri’ lì casa, e invece glie toccava a murì su la capezzagna, a muri’ senza l’olio e solo cu le bastigne. E pensava, quel cuntadi’, pensava che per non se muri’ lì, per campa’ giusto quel crio11 che glie bastava per artornasse, discorre cu la moglie de la casa e de le altre robbe, avrìa datto nigò12, avrìa fatto nigò…
Que? “Nigò” que? Que poleva fa’ lue, un cuntadi’ su ‘n greppo?, ha pensato dopo, sempre ntra ‘l piagne e ‘l bastigna’, e allo’ s’è messo a ride, e n pezzo rideva e un pezzo piagneva, como la gatta de San Giuanne. A la fine, via, no lassava fioli e cul padro’, a Dio piacendo, cui conti era a posto; glie sapeva fatica de muri’, ma sci tocca, tocca. E ‘n omo fatto ha da muri’ como n’omo fatto. Cuscì ha lassato gi’ a bastigna’ e a piagne, e dal greppo s’ha tirato su verso la capezzagna, e s’ha messo a varà la macchia che glie copriva el vede; e chissà que vedeva, de là, du non c’era gnè da vede e se poleva solo strolliga’ e sogna’.
Dice ch’el mosco de na vipera è come muri’ affogati; e lue s’è morto nte quela maniera, solo che s’è affogato guasi felice, a penza’ a quello che de bello e de dolce ce poleva esse de là de la macchia, du che non se vedeva. Cuscì, spaurato de morisse, briaco de veleno eppure placido e rassegnato, s’è morto quel cuntadi’; e l’annima gl’ha volato via ntra le cerque, cu i celletti13 che cantava.

  1. eva: aveva [torna su]
  2. fiezza de fie’: ciuffo di fieno [torna su]
  3. fiottare: sudare copiosamente [torna su]
  4. capezzagna: il limite dell’aratura, e quindi il bordo del campo [torna su]
  5. greppo: scarpata [torna su]
  6. strollico: astrologo, indovino [torna su]
  7. giuggiolo’: grosso giuggiolo. Scherzoso per “ragazzone” [torna su]
  8. giai: pianta che cresce lungo i fossi e ai piedi delle scarpate. Ne vanno ghiotti i cinghiali [torna su]
  9. sfiuti: frammenti del soffione, e in generale cose leggere, polverose e volanti [torna su]
  10. arboccava: rientrava [torna su]
  11. crio: quantità minima [torna su]
  12. nigò: ogni cosa, tutto [torna su]
  13. celletti: uccellini [torna su]

19.07.2010 3 Commenti Feed Stampa