Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Le vignette di CB > Gli piace la finanza islamica

Gli piace la finanza islamica

vignetta di Edo Grandinetti


23.04.2010 Feed Stampa

1 Commento

Commenta
  • Commento di Riccardo Raimondo, 11.09.2010 #

    Caro Edo Grandinetti,
    proprio non capisco il senso di questa tua satira.
    La finanza islamica è vista come un modello interessante, e non solo da Fini.
    Solo per fare un esempio –
    «[…] l’interesse su finanziamento, dovuto a prescindere dai risultati economici derivanti dall’impiego del denaro prestato, viene infatti visto come un ingiustificato arricchimento. La Shariah, però, ammette il principio del profit and loss sharing, la condivisione cioè del rischio (e dei relativi profitti) tra detentore di capitali (a carico del quale restano comunque le perdite) ed imprenditore. Nella finanza islamica il capitale di rischio (e quindi la partecipazione azionaria) viene sempre preferito rispetto al capitale di debito.»
    (Giovambattista Palumbo, L’Occidentale, 28 Luglio 2010)

    Per questa ed altre ragioni la finanza islamica si presenta come un sistema più impermeabile a speculazioni finanziarie.
    E noi sappiamo dove ci hanno portato le nostre speculazioni…

    Per questa ed altre ragioni, ritengo la tua vignetta assolutamente inopportuna e per di più abbastanza disinformata.

    con rispetto

    riccardo