Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Giudizi Universali > L’uomo sul tetto di Sjöwall e Wahlöö

L’uomo sul tetto di Sjöwall e Wahlöö

di

Fra gli otto (su dieci) finora pubblicati in Italia, è il meno bello. Per lunghi tratti è noioso e non succede mai nulla che sorprenda, in più la trama è esile e chiaramente finalizzata a dimostrare una tesi. Si riscatta con un bel finale, ma è dura arrivarci. Consigliato solo ai fan irriducibili. Giudizio 2/5


23.03.2010 Feed Stampa