Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Giudizi Universali > “Imperdonabili” di Philippe Djian

“Imperdonabili” di Philippe Djian

di Enzo Baranelli

Uno scrittore francese, nel suo ritiro a San Sebastian, cerca di rimettere insieme i cocci di una vita dannata in modo molto convenzionale. Hemingway è citato, più volte, e a sproposito. Lo stile informe e l’autocompiacimento del protagonista, Francis, che si parla addosso in prima persona, rendono la lettura noiosa e senza possibilità di redimersi. Voland, 2009. Giudizio: 1/5.


8.02.2010 Feed Stampa