Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Finzioni > ‘A me terra

‘A me terra

di Antonio Bonventre

‘A luna s’ammuccia e mi talìa. Avi ‘n’occhiu sulu e mi talìa. Po’ pruvari a spiarici ‘na cosa, idda tuttu sapi, ma nun dici niente.

E’ comu i cristiani ri sta terra, bedda e sula. Sta terra fimmina, pigghiata e poi abbannunata. Sta terra chi chianci e aspetta chi cangiano lu tempu, l’aria. Sta terra ferma, scantata e vigliacca, chi si runa l’assoluzioni e resta china ri peccati. Lorda ri sangu arresta e ‘un si lava.

E chistu ‘a luna ‘u sapi, tuttu sapi. Accussì s’ammuccia e ni talìa.

La mia terra

La luna si nasconde e mi guarda. Ha un occhio solo e mi guarda. Puoi provare a chiederle qualcosa, sa tutto, ma non dice niente.

È come le persone di questa terra, bella e sola. Questa terra femmina, presa e poi abbandonata. Questa terra che piange e aspetta che il tempo, l’aria cambino. Questa terra ferma, impaurita e vigliacca, che si assolve e resta piena di peccati. Rimane sporca di sangue e non si lava.

E questo la luna lo sa, sa ogni cosa. Così si nasconde e ci guarda.


1.12.2009 1 Commento Feed Stampa