Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Finzioni > Rintra

Rintra

di Antonio Bonventre

Ammuttava. Soccu ammuttava ‘un si sapi. Ma iddu ammuttava. Eppoi turnava n’arrè. S’annacava, ecco. S’iccava ravanti e poi n’arrè. Avìa un pupiddu ‘nte manu, tuttu lordo. Era lordo puru iddu. Però ‘u farfallino au so posto era. E ammuttava e s’annacava.

‘U marmu ra panchina avìa essere friddu, ma iddu ‘un sinni facìa, iddu continuava. Iddu parrava. Parrava sulu. Cu pupiddu lordo. Sulu parrava e sulu era rintra lu scruscio d’i treni. I cristiani chi passiavanu, cu era incazzato, cu si vasava, cu rireva e cu nenti e passava e basta.

Ravanti e n’arrè iddu s’annacava. Sarà che era pazzo, comu tutti. Semo tutti pazzi. Rintra lu scruscio d’i treni. Rintra.

Spingeva. Cosa non è dato sapere. Ma spingeva. E poi tornava indietro. Si cullava, ecco. Si buttava in avanti e poi indietro. Tra le mani un piccolo pupazzo, tutto sporco. Come lui. Però il farfallino era al suo posto. Spingeva e si cullava.

Il marmo della panchina su cui sedeva doveva essere freddo, ma non se ne curava, continuava. Parlava, da solo. Col pupazzo sporco. Da solo parlava e solo era dentro il rumore dei treni. Le persone che andavano avanti e indietro, chi era incazzato, chi si baciava, chi rideva e chi non faceva niente e passava e basta.

Si cullava. Forse era pazzo, come tutti. Siamo tutti pazzi. Dentro il rumore dei treni. Dentro.


21.09.2009 Commenta Feed Stampa