Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Vedi di non morire di Josh Bazell

Vedi di non morire di Josh Bazell

di Enzo Baranelli

bazellIl romanzo di Josh Bazell sicuramente divertente. Una comoda lettura estiva. I capitoli alternano il presente di una giornata in ospedale e il passato in cui Pietro Brnwa (pronunciato Browna), sub la perdita dei nonni, assassinati, conobbe Skinflick ed entr nella Mafia, come sicario. I paragrafi spesso non sono lunghi e consentono al lettore di agguantare il figlio che si sta allontanando troppo oppure gli permette di farsi una nuotata o quel che vi pare. Alcuni hanno gi fatto riferimento al miglior Palahniuk, o, per il lato comico a Sedaris (Genna), Vedi di non morire (Beat the Reaper) un romanzo pulp sui generis, con un sacco di note dellautore ironiche ed acute. La trama, sebbene non si possa considerare esattamente il punto di forza, riserva alcune sorprese ed quindi in grado di condurre fin troppo velocemente il lettore verso un finale pirotecnico.

I chirurghi, il protagonista lavora nel reparto di Medicina Interna, sono trattati come ci si aspetterebbe:

-Secondo il dottor Friendly qualche speranza ce lho-

-E il gergo dei chirurghi. Sta per Mi serve una barca un po pi lunga-

Non mi pare di aver visto APR* o APP, ma sono acronimi italiani, quindi normale, credo. Le fortune mondane dellautore che ha gi venduto i diritti cinematografici a DiCaprio sono ormai note. La copertina abbastanza brutta, ma per la spiaggia vi consentir un comodo anonimato. Veloce, divertente, non troppo profondo, ma neppure scontato, anzi originale. Non un capolavoro, ma Vedi di non morire di certo una lettura consigliata.

*Anamnesi Patologica Remota: chiaro no? Come se vi interessasse qualcosa Vabbe quella serie di domande che vi permette di apprendere se quindici anni fa il paziente ha subito una nefrectomia: state certi che sapere se uno ha un solo rene mooolto importante, qualsiasi cosa abbiate intenzione di fargli

Josh Bazell, Vedi di non morire, (ed. or. 2009), 322 pp., 18,50 euro, Einaudi, 2009.

Giudizio: 4/5


2.07.2009 Commenta Feed Stampa