Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Vedi di non morire di Josh Bazell

Vedi di non morire di Josh Bazell

di Enzo Baranelli

bazellIl romanzo di Josh Bazell è sicuramente divertente. Una comoda lettura estiva. I capitoli alternano il presente di una giornata in ospedale e il passato in cui Pietro Brnwa (pronunciato Browna), subì la perdita dei nonni, assassinati, conobbe Skinflick ed entrò nella Mafia, come sicario. I paragrafi spesso non sono lunghi e consentono al lettore di agguantare il figlio che si sta allontanando troppo oppure gli permette di farsi una nuotata o quel che vi pare. Alcuni hanno già fatto riferimento al miglior Palahniuk, o, per il lato comico a Sedaris (Genna), “Vedi di non morire” (“Beat the Reaper”) è un romanzo pulp sui generis, con un sacco di note dell’autore ironiche ed acute. La trama, sebbene non si possa considerare esattamente il punto di forza, riserva alcune sorprese ed è quindi in grado di condurre fin troppo velocemente il lettore verso un finale pirotecnico.

I chirurghi, il protagonista lavora nel reparto di Medicina Interna, sono trattati come ci si aspetterebbe:

-Secondo il dottor Friendly qualche speranza ce l’ho-

-E’ il gergo dei chirurghi. Sta per “Mi serve una barca un po’ più lunga”-

Non mi pare di aver visto APR* o APP, ma sono acronimi italiani, quindi è normale, credo. Le fortune mondane dell’autore che ha già venduto i diritti cinematografici a DiCaprio sono ormai note. La copertina è abbastanza brutta, ma per la spiaggia vi consentirà un comodo anonimato. Veloce, divertente, non troppo profondo, ma neppure scontato, anzi originale. Non un capolavoro, ma “Vedi di non morire” è di certo una lettura consigliata.

 *Anamnesi Patologica Remota: chiaro no? Come se vi interessasse qualcosa… Vabbe’ è quella serie di domande che vi permette di apprendere se quindici anni fa il paziente ha subito una nefrectomia: state certi che sapere se uno ha un solo rene è mooolto importante, qualsiasi cosa abbiate intenzione di fargli…

 Josh Bazell, “Vedi di non morire”, (ed. or. 2009), 322 pp., 18,50 euro, Einaudi, 2009.

Giudizio: 4/5


2.07.2009 Commenta Feed Stampa