Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Zibaldone > Sogno di una notte piovosa di met dicembre

Sogno di una notte piovosa di met dicembre

di Benny Calasanzio

pos.JPGHo fatto un sogno, non stanotte, quella prima. Ero in una specie di palazzo, ricordo che andavo verso l’uscita dopo aver parlato con qualcuno. Ero incazzato nero, come Gioele Dix. Ero quasi giunto alla porta, mi fermo, mi giro e torno indietro, quasi correndo, verso una porta. Dovevo concludere qualcosa. La apro con la delicatezza di un elefante cieco indagato per tangenti petrolifere, e dentro c’ Massimo D’Alema, Walter Veltroni e uno che non ricordo. Entro, mi avvicino alle loro sedie e comincio ad urlare. “Ve ne dovete andare, dovete sparire, per colpa vostra siamo in mezzo alla, al concime”. “Faremo tutti politica, ci impegneremo tutti nel Pd se fosse diverso, se non ci foste voi, siete la rovina cazzo”. “Io ve lo firmo: se ve ne andate io mi iscrivo ora stesso”. Niente. Loro mi guardavano, un p impauriti. D’Alema aveva quella faccia tra il perplesso intelligente e il perplesso apparentemente intelligente. Mentre mi sentivo tra il Martin Luther King e l’Obama andante, suona la sveglia, ore 8. Mizzica che sogno. Mi alzo rinfrancato e appagato per lo storico cazziatone. Altro che Nanni Moretti. Guardo la mia ragazza e le dico: “Dovevi vedere che faccia hanno fatto, mizzica, gliene ho dette quattro…”. E lei: “Eh?”. “Niente, niente…”. Vado in sala, accendo la tv e danno due notizie al tg. Una che il nuovo presidente dell’Abruzzo Gianni Chiodi, quello che diceva sotto ai gazebo: “Portatemi i vostri curriculum”. La seconda che nella notte stato arrestato il sindaco di Pescara Luciano D’Alfonsi, per circa trenta capi d’imputazione, dalla corruzione alla concussione. D’Alfonsi chiaramente anche segretario regionale del Pd abruzzese. Nel frattempo Ottaviano Del Turco pensa di passare al Pdl: praticamente una confessione di colpevolezza. Che sogno di merda. Il tempo di fare pip e torno nel triste e cupo clima allergico a politica e partiti. Grazie Massimo, grazie Walter.


17.12.2008 Commenta Feed Stampa