Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Zibaldone > Venerdì notte

Venerdì notte

di Ludovica Anselmo

smoke.jpgIeri mi hanno rapito. Mi hanno portato a New York nella sede della multinazionale Philip Morris. C’erano delle signorine molto gentili che ti regalavano le nuove Marlboro gusto pizza. –No grazie, ho smesso. Adesso mi faccio di atarax. E tuttavia ancora ho a cuore le ragioni dei fumatori, proporrei dunque anche una Marlboro gusto caffè. Sapete com’è, la mattina uno va di fretta, alle volte magari deve scegliere, o si lava le ascelle o si fa un caffè e, dunque, sarebbe carino da parte vostra se fabbricaste anche una sigaretta al caffè. Ciò gioverebbe anche a tutti quelli che la mattina vanno al lavoro in autobus e che soffrono per colpa di certi caffeinomani poco lavati. Poi il capo mi ha fatto i complimenti per le mie idee innovative e mi ha proposto di restare a lavorare in America. –Solo se assume anche il mio fidanzato che non possiamo star lontani. Ma alla Philip Morris vogliono solo donne. –Allora la ringrazio ma no, mi liberi e mi lasci tornare a casa. Così poi mi hanno lasciato andare. Il capo ha detto che mi proporrà per il premio Nobel anche se, dice lui, è un peccato che abbia smesso di fumare.


29.05.2008 7 Commenti Feed Stampa