Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Zibaldone > E questo tutto

E questo tutto

di Ludovica Anselmo

nappingQuando io e Lucio si faceva l’amore finiva sempre con lui che diceva le parolacce. Puttana! Sei la mia puttana! e -splot- finito. La cosa mi sempre restata sul gozzo, voglio dire, perch iniziavo a spogliarmi davanti ad un signore ammodo e finivo con un pescivendolo soprano? Statti zitto per la miseria che mi deconcentro! E per non perdere quella scintilla d’emozione cercavo di mantenere sincrono il movimento dei nostri bacini ma puntualmente mi perdevo al grido di puttana! ed iniziavo a pensare a cose come la consecutio temporum, i colpi di sole o le diapositive delle vacanze. Cos, senza pi nemmeno la promessa di un orgasmo, restavo ingobbita da un mesto prurito in mezzo alle gambe. Ma tutto questo era prima di Asia. Adesso dice che non pu mancare di rispetto alla madre di suo figlio. Ma una femmina dico io. Ad ogni modo quello stato solo un periodo.
Oggi, quando guardo Asia, mi vien da pensare mammamia quant’ brutta questa figlia mia nata al grido di puttana!. Splot. Splot. Stavolta Asia con il ciuccio. Splot. Ha gli occhi da cinese e la testa piatta. A Natale la carico sul passeggino e le infilo un cappello rosso col ponpon cos la testa sembra bella tonda come una mela. Poi la porto al centro commerciale con le lucine degli addobbi e lei impazzisce, agita le manine e mi sorride cos tanto che gli occhi le si allungano ancora di pi. Ma che bella cinesina cing ciao lin, le faccio, cing ciao lin, vieni amore di mamma tuo e mentre lei mi fa splot all’orecchio, io le accarezzo la testolina. E anche questo non durer per sempre, penso. E questo tutto.


10.03.2008 Commenta Feed Stampa