Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Società > Benedetto XVI oggi come oggi

Benedetto XVI oggi come oggi

di Nicolò La Rocca

papaIlvo Diamanti, su Repubblica, a proposito della vicenda della Sapienza, scrive: “Colpisce la sproporzione tra le forze in campo. Il “no” è venuto dal 2,8% dei docenti e dallo 0,2% degli studenti. Eppure, isitituzioni e autorità si sono arrese subito”.
Ecco, noi di Cabaret Bisanzio, vogliamo aderire alla vulgata imperante – anche per evitare futuri ostracismi, di questi tempi non si sa mai – diventando alfieri della democrazia dell’oggi come oggi (il nostro padre è Giuliano Ferrara: abbiamo raccolto il suo pensiero in un floppy – avevamo comprato un dvd ma è rimasto spazio anche nel floppy).
Ordunque, ci schieriamo apertamente. Ma veniamo ai fatti, all’ennesima lotta per il diritto di parola: apprendiamo dal sito dei pranoterapeuti, www.anpsi.it , che “Il Consiglio dei Ministri nella seduta del 23 Ottobre 2007 ha approvato il decreto legislativo recante: Attuazione della direttiva 2005/36/ce relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali, già pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 261 del 9 Novembre 2007 per il riconoscimento delle qualifiche professionali.
Il testo rappresenta per le Associazioni professionali un importante risultato in quanto prevede che nella predisposizione delle piattaforme comuni, alla cui elaborazione parteciperanno le autorità ministeriali competenti, vengano sentiti gli Ordini e le associazioni di categoria “rappresentative a livello nazionale”. Il Pranoterapeuta è stato ritenuto affine alla categoria degli Architetti. Aggiungiamo che recenti statistiche hanno stabilito che un italiano su tre si affida a sensitivi e pranoterapeuti. Cosa vogliamo fare? Pensiamo forse che un italiano su tre sia incapace di intendere e di volere? No. Allora, perdinci, si pone l’esigenza, nella società della libertà dell’oggi come oggi, di ripristinare il diritto di parola per il rappresentante dell’associazione dei pranoterapeuti. Proponiamo che sia invitato all’inaugurazione dell’Anno Accademico dell’Università Statale di Milano.
Siamo fiduciosi che avremo al nostro fianco i prodi intellettuali dell’oggi come oggi, perché questa a favore del rappresentante dell’associazione dei pranoterapeuti, è da un lato una battaglia per i valori dell’operosa borghesia, per il rispetto del sacro diritto repubblicano, dall’altro un necessario riconoscimento a un’autorità in cui credono milioni di italiani.


22.01.2008 8 Commenti Feed Stampa