Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Zibaldone > Lu spassu: una tampasiata nella provincia siciliana dell’oggi come oggi

Lu spassu: una tampasiata nella provincia siciliana dell’oggi come oggi

di Nicolò La Rocca

ped6.jpgL’ideale, se decidi di fare una tampasiata in un piccolo paese della provincia siciliana, è di farti ospitare. Ti servono dei parenti o degli amici autoctoni, certo. Però, anche se non hai nessuno, stai tranquillo, fidati, se fai un giro per le strade del paese, anche il giorno prima della tampasiata ufficiale, con molte probabilità qualcuno vorrà fare la tua conoscenza, ti “scommetterà”, così si dice in dialetto quando si fa amicizia con qualcuno (cioè scommetterà su di te, perché l’amicizia è una scommessa, un favore, da ricambiare, alla prima occasione).

Ti svegli tardi, questo è d’obbligo. Tanto non lavori. Sei in vacanza.
Ma svegliarti tardi non serve solo per riposarti. No no. È un’esperienza. Non ti curare del sommesso chiacchiericcio che arriva dall’altra stanza: i tuoi ospitali amici siciliani staranno dicendo le solite cose: “Miiih, a pranzo voli lu primu, lu sicunnu! Miiih, non se l’è fatto dire due volte ed è rimasto”.
Se proprio vuoi ascoltare questi sproloqui, sappi che la loro insensatezza è apparente. Sì, è vero, hai ragione: ieri sera hanno insistito al livello della molestia personale per convincerti a restare e ora tu non capisci come sia possibile che dicano queste cose.
È un’aporia apparente. I siciliani sono così. Insomma, non ci pensare più: esci.
Fai attenzione, però: in molti paesi della provincia siciliana, si cammina al centro della strada e, se sei in macchina, rispetta le regole del posto. Ecco, bravo: non usi il clacson per fare spostare il pedone. Non ti lamenti, aspetti che il pedone ritorni casualmente sul marciapiede. E basta. Le macchine vecchie, piene di ruggine e malate Euro 1 e 2 (ma anche Terzo mondo 1 e 2), attraccano lentamente nelle zone destinate al parcheggio; le Mercedes nere frenano all’ultimo secondo, ma tutte così come viene: a spina di pesce, perpendicolarmente rispetto alla sede stradale, parallelamente, come ti passa pi lu cazzu. Anche tu cerchi un piccolo spazio tra le lamiere e ti ci infili.
Così, se mettiamo vai a comprare il pane, capita che devi aspettare qualche minuto, fino a quando l’automobilista che è entrato dopo di te nel panificio e si è confuso in quel crocicchio debordante che qualcuno ha il coraggio di chiamare fila, si decida a spostare la sua macchina, messa di squincio alla tua.
Tu aspetti, bravo, ti sei calato nella parte. Non ti lamenti. Può capitare che il suddetto automobilista, uscito dal panettiere, incontri qualche suo conoscente (in realtà conosce metà dei paesani e finge di conoscere l’altra metà – con la quale sembra ancora in maggiore confidenza) e allora si senta in dovere, dopo mille abbracci e baci, di scambiare qualche affettuosa e fondamentale parola di circostanza con l’amico (l’amicizia è importante). E tu che fai? Ti metti a fare il maleducato? No, aspetti. Poi può capitare che dopo esserti incolonnato al tipo di prima (un tuo amico, in fondo, dai; e amico di molti amici), tu debba arrestarti dopo pochi metri di avanzamento ingolfato (ci sono principalmente due modi di procedere in macchina: 1. andamento lento, sguardo pronto a captare qualche amico o qualche amico di amici, a costo anche di attraversare un incrocio senza curarsi della precedenza – ciò è la norma se sei alla guida di un’Ape; 2. a tutta velocità, zigzagando e sgommando, ma solo per brevi tratti, giusto per fare eiaculare il SUV nero e attirare gli sguardi degli amici e degli amici dei nostri amici, come un richiamo, come a dire: eccomi, sono qui, adesso mi avete visto, ora rallento e scambiamo, dopo mille abbracci e baci, le solite e affettuose parole di circostanza), dopo qualche metro, dicevo, può capitare che il tipo che ti precede si debba fermare. Magari sul marciapiede ha avvistato un suo amico (o amico di amici) e ritiene che sia fondamentale salutarlo, parlare con lui, toccarsi, sorridere; oppure inforcare un cipiglio complicato per condividere qualche disavventura (con lo Stato, che è sempre curnutu e burdillaru, che magari ha arrestato qualche prestanome della mafia – “che però lui almeno il lavoro lo dava e ora tutti i patri di famiggghia che lavoravano per lui che faranno?).
E tu che fai? Ti lamenti? No, mica sei cretino. Hai studiato antropologia? Ah ecco. Aspetti. Intanto noti che tutti guardano tutti, tutti ca talianu. È vero, è tipico di un ambiente di provincia guardarsi in giro, essere curiosi. Ma in Sicilia, come diceva Leonardo Sciascia, le cose accadono di più. Qui ti guardano con insistenza.
E se parlano con te ti chiedono: “A chi appartieni?” Il verbo è appartenere, sì. Devono sapere chi sono i tuoi genitori, i tuoi zii e i tuoi amici. Tutto ciò è fondamentale per accettarti.
Fine 1° puntata


15.01.2008 5 Commenti Feed Stampa