Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Zibaldone > resurrezione

resurrezione

di Guido Catalano

era buio e si svegli
umido e freddo
e caveva ancora male alle mani
e ai piedi
bucati dai chiodi puntuti e rugginiti

e ancora i graffi profondi
nella fronte
bruciavano
e i tagli
come si dice, nel costato

Ges Ges Ges
Cristo Santo
Cristo Santo che esperienza
Dio mio
che brutta esperienza

cera un grosso sasso
che ostruiva lentrata della cripta
si strapp il sudario dal corpo
fece un lungo sospiro, un rutto
e si mise seduto
a pensare
a come uscire
da quella situazione di merda


19.09.2007 6 Commenti Feed Stampa