Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Zibaldone > sabato sera

sabato sera

di Guido Catalano

sono stato fermato da 2 poliziotti
anzi, fermato no
ero già fermo
vicino a un cassonetto della spazza
ci avevo poggiato la bici

erano 2 poliziotti di una certa età
non facevano che scusarsi
ma sa, mi dicevano, son tempi brutti
guardavano dentro il cassonetto
ci avessi mai ficcato una bomba dentro

erano gentili
anche quando mi hanno chiesto se aspettavo qualcuno
sembravano imbarazzati
sì, aspetto qualcuno

poi mi hanno chiesto i documenti
per segnarmi i dati sul taccuino
io gli ho detto, stia attento che ciò la carta d’identità
che si sta per rompere in 2

che io poi, alla manifestazione
il pomeriggio
manco ci sono andato
però adesso risulta che ci sono andato
che sono sul taccuino
con tutti
i facinorosi
che si sono pestati di mazzate qualche ora prima

intanto l’altro, con la pila
continuava a cercare la bomba
e continuava a non trovarla
che io, ho pensato, e quasi quasi glie lo dicevo
io se ci avevo messo la bomba dentro
mica stavo li come un coglione
me ne andavo

comunque, poi, se ne sono andati loro
e la bomba non l’hanno trovata
e quello che parlava
il poliziotto gentile
aveva gli occhi azzurri
e una bella faccia

l’altro,
quello che cercava la bomba nel cassonetto
era basso
e aveva il nasone

poi sono tornato a casa mia
e ho acceso la televisione
e ho visto le persone che
si picchiavano coi poliziotti
e ho cercato quei 2 lì
ma non li ho trovati
che non erano tipi da guerriglia urbana

erano addetti alla ricerca bombe
nei cassonetti
che comunque è un lavoro pure quello

poi dopo
le bombe
le ho viste davvero
quelle che cadono dagli aerei
e deflagrando
uccidono


28.07.2007 Commenta Feed Stampa