Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Società > Una lettera

Una lettera

di Cabaret Bisanzio

Una lettera circola da giorni nelle redazioni dei giornali italiani. E’ una lettera di rabbia, di indignazione, di frustrazione.  E’ una lettera importante. Forse, però, non sarà mai pubblicata. Perché l’autore non si chiama Veronica Lario, a cui Repubblica è pronta a dedicare colonne e colonne, ma Salvatore Borsellino.

Il titolo della lettera è 19 luglio: strage di Stato e, grazie a due giornalisti di  Reuters, si può leggere, integralmente, qui.


19.07.2007 3 Commenti Feed Stampa