Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Finzioni > Memorie di un imbecille (6)

Memorie di un imbecille (6)

di Roberto Chilosi

Mi ricordo, mi ricordo.
Al telefono:
Pierantonio vieni qui, ti devo parlare, tono perentorio e deciso.
No, non abbiamo niente da dirci
Se non vieni tu, vengo su io.
Lho convinto, tra poco arriver, devo calarmi nella parte, ma sono agitato, anche se so che non mi tradir, pur non essendomi preparato un discorso, pur sapendo di mentire spudoratamente.
Sono 4 giorni che penso a cosa gli devo dire, se proprio gli devo dire qualcosa.
La mia posizione pressoch indifendibile: mi ha beccato con la sua ragazza in un momento di tenerezza.
Avevamo passato la giornata sulla neve a fare sci da fondo e avevamo pensato di concluderla con una bella merenda e una videocassetta a casa mia.
Con lei ho una storia parallela (parallela per lei, parallela per me) da anni
Lui non sa niente, anche se teme.
Adesso sa.
Dopo la merenda ci siamo addormentati tutti e tre sul divano e, giuro che non so come, quando ci siamo svegliati, io e lei eravamo abbracciati, lui seduto a fissarci.
Opl!
Non ha detto una parola ( svizzero, grazie al cielo), si alzato, uscito, ha preso la macchina ed tornato a casa sua nel Canton Ticino.
Lei non ha neppure tentato di fermarlo, cosa gli avrebbe potuto dire?
Non le vuole pi parlare, normale, per la ama tantissimo e penso che ceder.
Lei non lo ama, ma con lui sta molto bene, una persona molto intelligente, razionale e sensibile allo stesso tempo, colta e rilassante, molto rilassante.
Troppo rilassante, questo il problema.
Lei mortificata, sa cosa sta soffrendo lui adesso e non vorrebbe avergli provocato questo dolore.
Prova a chiamarlo per tre giorni, senza risultato, poi alla fine lui cede e torna al Borgo.
Con lui ho un ottimo rapporto, siamo amici da un paio danni, da quando stanno insieme.
Abbiamo anche fatto delle vacanze insieme, io e lui soli.
Non mi devo giustificare, perch sarei penoso, ma non voglio nemmeno che si lascino causa mia, anche perch io non voglio una storia ufficiale con lei, meglio da amante: come persona troppo impegnativa e io mi sono separato da tre mesi.
Mamma mia che casotto.
Ma di questo torbido ho bisogno, pi le storie sono difficili pi mi attirano, pi complicazioni ci sono pi sono stimolato a tentare.
Il gusto di averla fatta franca, quando la fai franca impagabile.
Voglio godere appieno la mia superficialit, voglio mettere pi bandierine possibile, voglio sentirmi un uomo oggetto.
I tradimenti, in un paese come Borgo Taro dove la gente a tutto pensa tranne che agli affari propri, sono una scarica di adrenalina pari ad un passaggio di quinto o sesto grado in canoa.
E ladrenalina una droga: quando comincia a scorrerti nelle vene, se succede spesso, ne diventi dipendente, quando ti manca ti viene lansia, ti sembra di buttare il tuo tempo, cerchi sempre la scarica in qualsiasi cosa tu faccia.
Amo la sensazione di tremore alle gambe che mi viene sempre dopo aver fatto una rapida tremenda o essere riuscito a compiere il tradimento, magari in casa mia (e abito in centro), magari di giorno e senza sapere quando arriver la mia fidanzata.


14.07.2007 2 Commenti Feed Stampa