Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Ettore Mascarponi: su Internet Bookshop l’entusiasmo dei lettori

Ettore Mascarponi: su Internet Bookshop l’entusiasmo dei lettori

di

Straripa, sulle pagine di IBS, l’entusiasmo dei lettori di Ettore Mascarponi.

Mascarponi Ettore – Molteplici sono le ragioni del cuore
Molteplici sono le ragioni del cuore Titolo Molteplici sono le ragioni del cuore
Autore Mascarponi Ettore
Prezzo 13,20
Prezzi in altre valute
Dati 2007, 138 p.
Editore Stamperia Edizioni
(collana ContempoCapolavori)
Disponibile per la spedizione entro 3 settimane

Segnala il libro ad un amico Invia un tuo commento
In sintesi

Francesca, artista giovane, bella e sensibile, dipinge grandi nudi maschili dalle fosche tinte barocche. Ha una relazione con il suo gallerista, che continua a prometterle successo. I suoi quadri, per, rimangono invenduti, e per mantenersi costretta a fare la cameriera in un bar in via Montenapoleone.
Luca, avvocato di successo annoiato dalla vita milanese, un giorno, passeggiando in via Montenapoleone, trova un annuncio. Una pittrice cerca modello maschile. Incuriosito e alla ricerca di nuovi stimoli, le telefona.
Quando Luca vede Francesca amore a prima vista. Decide di invitarla a dipingere nella sua casa in campagna, lontani dal frastuono cittadino.
Un amore bruciante e metafisico li trascina in una passione travolgente, finch Francesca non scopre di avere un tumore al seno. Francesca decide allora di sparire. Parte di notte, lasciando una lettera per Luca.
Luca si ammala damore. Sa che per vivere ha bisogno di lei. Parte per una ricerca disperata, che lo porter a scoprire che la sua Francesca diventata unalcolista e per vivere vende il suo corpo.

I vostri commenti

Recensioni 120 di 532 recensioni presenti. Media Voto: 10.78 / 5

Flavia Vento (07-03-2007)
Un libro in effetti superiore a tutte le medie pensabili. Iperbolico, duro, maturo. Si sentono Cline e Pasolini, di pi Pasolini, ma Mascarponi miscela il tutto con sapienza da profeta. Ammetto di aver fatto molta fatica a capire certi punti un p troppo intellettuali, nel complesso giudico il libro Altissimo. Da leggere e, soprattutto, rileggere. Un grosso incoraggiamento a questo giovane autore pieno di stoffa e cultura!
Voto: 5 / 5

Achille Formaggio
(05-03-2007)
Bellissimo! Toccante! Straordinario! Quello di Mascarponi Ettore un testo che tocca le corde pi profonde dell’animo umano, proprio cos. Quelle corde, signori miei, che non suonano da tanto tempo. Leggendolo, la sensazione quella di avere fra le mani qualcosa di veramente prezioso, un testo ancestrale che rimarr nella storia della letteratura Chi l detto che la profondit deve essere incomprensibile o viceversa criptica? Chi l detto che la filosofia deve usare un linguaggio per iniziati? Questo un romanzo che fa il paio con le le “Operette morali”, ma senza la filosofia spicciola e un po’ affrettata di Leopardi, dunque certamente facendo un passo avanti. Oltre Leopardi, dunque grazie di cuore a Ettore Mascarponi
Voto: 5 / 5
Deboruccia (02-03-2007)
Cosa possiamo dire e scrivere di questo libro? Che particolare e originale! Soprattutto scritto benissimo. Un po’ Tolstoi, un po’ Dostoieschi, Mascarponi rivaluta la lingua e la letteratura italiana. Leggendolo si prova la magica sensazione di tornare indietro nel tempo. Questo romanzo che segner la storia della letteratura dovrebbe essere testo per le scuole, altro che Manzoni, dovrebbero leggerlo i giovani per succhiarne valori e suggestioni nuovi! E che dire del mio giudizio sull’autore? Un uomo veramente brillante, gli auguro di cuore di emergere ancora di pi nel panorama letterario, affinch possa ridare dignit alla letteratura nostrana, cos malridotta lultimamente.
Voto: 5 / 5
Claudia Marzapane (01-03-2007)
Ho la fortuna di abitare nel condominio di cui Ettore portinaio, e conosco la sua passione per la scrittura, infatti lo vedo sempre che scrive. Mascarponi uno che scrive bene anche gli avvisi agli incuilini, immagginiamo un libro! Questo difatti un libro bellissimo, questo del mio amico Ettore, che mi ha fatto sorridere e mi ha fatto piangere, ha smosso dentro di me qualcosa. Un qualcosa forse assopito da tempo e mai rimosso! Un libro delicatissimo dalla delicatezza estrema e dal linguaggio poetico, con la magia di colui che, come un pifferario magico ha il potere di incantare e e condurre il lettore dove vuole! Un grazie di cuore a Ettore per avermi emozionata!
Voto: 5 / 5

mario vincenzi
(27-02-2007)
QUESTO LIBRO CHE HO COMPRATO A TORINO ALLA FIERA DEL LIBRO E’ QUALCOSA DI PIU UNICO CHE RARO, CHI AMA PASOLINI NON PUO’ NON LEGGERLO PERCHE’ C’E’ TANTO DI LUI, LA LINGUA E’ STUPEFACIENTE, LA STORIA E’ UN’AMMASSO DI LAVA CHE TI INVESTE E DOPO AVERLO LETTO NON PUOI PIU’ LIBERARTENE. INDIMENTICABILE!!!!!!!!!!
Voto: 5 / 5
catania maria francesca (26-02-2007)
Un’altra opera grandiosa del talento Mascarponi, una prosa poetica avvolgente e accattivante, una cascata di parole, un registro linguistico aulico e soave. L’ autore in quest’opera ha dato il meglio di se stesso, anche se sono sicura che nelle opere successivo dar pi del meglio, riuscendo a navigare nel mondo incantato della fantasia e a comunicare anche a noi le emozioni provate. Forza Ettore, continua a scrivere; il mondo della letteratura ha bisogno di opere pure e incantevoli come queste. Auguri di cuore!
Voto: 5 / 5
Stefania Randisi (25-02-2007)
Io non mi sento all’altezza di dare un giudizio su un’opera cos poetica e aulica e magistrale, allora nel mio piccolo d solo un consiglio per chi desidera leggere questo libro che pura poesia, poesia di quella vera: non leggetelo con gli occhi, leggetelo col cuore!
Voto: 5 / 5
Paola Mastrogiacomo (22-02-2007)
Lascio questa recensione in omaggio al mio scrittore preferito del momento e forse di sempre. Ho letto diverse cose di Ettore: una pi bella, pi emozionante e profonda dell’altra. Da quando l scoperto difficile che prendo in mano altri libri, mentre prima mi piacevano classici quali ad esempio Omero, Iliade, Flober, Prost, Dostoeschi. Questo libro l’acne della sua attivit scrittoria (anche sono certa che arriver ancora pi in alto). Parole che fluttuano leggere nella mente, dopo averle lette, le sue, ma col peso del messaggio filosofico e di vita che lascia un segno. Un segno tangibbile. Un linguaggio, quello di Ettore, che sembra un fiume in pena che per si controlla e non straripa mai; un vissuto, quello di questo libro, che rievoca mondi e tempi arcani, alla ricerca di qualcosa che provoca una tensione perenne verso l’alto, l’intoccabile, l’etereo, l’apparentemente impenetrabile. Molteplici un libro memorabile, il libro che ricerca di qualcosa che non si ancora trovata, una ricerca intensa e struggente allo stesso tempo, che custodir nella mia piccola biblioteca di casa sempre con estrema gelosia. Perch come se in questo libro Ettore ci abbia messo un frammento di me (e credo di tutti perch tutti si riconosceranno in uno dei molteplici personaggi che appaioni) e le pagine si son fatte specchio del mio stesso viaggio, del mio stesso essere. Un viaggio… un ricongiungimento, forse, o una conquista! E poi Ettore ha una grande dote, rara, ma in lui tangibbilissima: quella di affondare il suo sguardo nella superficie delle cose, di penetrare l’universo umano e di far riemergere “statue” sommerse dal tempo con un semplice, inconfondibile tocco, il tocco dellartista, il tocco leggero ma tangibbile.
Voto: 5 / 5
Marta Margarina (22-02-2007)
ETTORE MASCARPONI E’ IL PIU’ GRANDE MAGGIORE SCRITTORE ITALIANO COMTEMPORANEO. CHE DIRE DI PIU? LEGGETTELO USANDO PERO ‘IL CUORE.
Voto: 5 / 5
marina goccia (21-02-2007)
Ettore Mascarponi, l inventore di mondi, ci trasporta attraverso pianeti lontani eppure vicinissimi per le tematiche che affronta. I suoi sono racconti filosofici ibridati alla storia d’amore, storie sofferte ma piene di cuore e di sentimento, dalla prosa ricercatissima e densa, ci fanno riflettere e sognare. E molto altro ancora…..per scoprire tutti i segreti necessario leggere il libro…..
Voto: 5 / 5
Daniele (20-02-2007)
Un viaggio meraviglioso, un sogno senza confini. Scrittura magnifica quella di Ettore Mascarponio. Libro che lascia il segno, ti scuote, ti avvolge. Eccellente prova d’autore.
Voto: 5 / 5

Albertino Fossati
(05-02-2007)
I motivi che spingono ciascun lettore, ciascuno di noi, a scegliere un libro, sono svariati.La voglia di approfondimento, la semplice curiosita’, ma sempre piu’ spesso un desiderio:trovare un silenzio appartato in cui poter, piu’ che ragionare, essere trasportati in una dimensione in cui cerchiamo una intimita’ con noi stessi.Il libro dell’autore Ettore Mascarponi non e’ soltanto un mezzo per raggiungere questa intimita’, bensi’ un vero e proprio specchio che mette a nudo una parte, se pur nascosta, di ciascuno di noi. La magistrale mano che l’autore, attraverso i protagonisti dei suoi racconti, ci porge nell’accompagnarci alla scoperta di mondi che sembrano molto lontani, ma che invece albergano in noi, soffocati da una quotidiana omologazione dell’anima, ne sono la prova inconfutabile. A quello che puo’ sembrare un fantasioso racconto ultraterreno, risponde invece la chiara, limpida, acuta analisi del sentimento umano, niente di piu’ vicino. E’ quindi, a mio avviso, una rivoluzionaria via di analisi dell’importanza della vita, dei valori veri della vita;un testo che aiuta ad “Amare”.
Voto: 5 / 5

laura pazzinelli
(03-02-2007)
Versi in prosa che oltrepassano la forma e la plasmano, per giungere alla sublimazione di una sequenza di vicende d’amore, sia esso amore per la vita, per la bellezza, per il sogno, sia esso volont di sperare o accettazione del dolore costitutivo dell’essere. Libro dedicato all’esistenza nella propria totalit, oltre il mero confine fra letteratura e vita, fra morfologia e contenuto: esperienza che penetra il vissuto e lo deframmenta, per scorgerne sfumature e dinamiche. Operazione sensibile, raffinata, metodologicamente innovativa perch rivolta all’essenza, “ci che essenziale invisibile agli occhi” avrebbe sottolineato il Piccolo Principe. Qui siamo oltre, ben’oltre vorrei dire. Volume scritto in punta ‘di cuore’, intriso di filosofia come arcano strumento di indagine, mediato dal tema del viaggio, sia esso interiore o ritratto dell’homo viator che si interroga e si ascolta, per riscoprirsi e ricongiungersi all’inatteso che lo tormenta e lo fa vibrare.
Voto: 5 / 5

Nicola Del Burro (01-02-2007)
Un eccellente prova d’autore che ho letto ora ora sulla Gazzetta di Carpi che ha vinto meritatamente il Premio “Le Muse”, Grandi Romanzi d’Italia Citt di Carpi. Complimentissimi all’autore gi per altro insignito di vari altri premi per le opere precedenti (premio Nduja doro al festival Romanzi dItalia di Spilinga (VV); premio Radicchio dargento al festival della letteratura di Montebelluna (TV); premio Giuria di Qualit al festival della letteratura di Crevalcore (BO))
Voto: 5 / 5
Samantha Del Piero (01-02-2007)
Semplicemente meraviglioso e pi che mai attuale per la straordinaria capacit di Mascarponi di saper leggere negli abissi pi reconditi dell’ animo umano. “Furono i serpenti a rovinarmi la vita”. Con queste agghiaccianti parole esordisce il doppio protagonista, preludio questo di una storia altrettanto agghiacciante. L’uomo del sottosuolo prova nel suo cuore un lacerante sentimento di odio e di disprezzo nei confronti del mondo che lo circonda, di cui non si sente veramente parte, e nei confronti di se stesso e per questo motivo soffre di un dolore cos forte da non riuscire a vivere concretamente. Si definisce inoltre l’ eccesso di coscienza come una malattia dal momento che essa gli impedisce di agire e di dominare gli eventi della propria vita. Quest’ uomo dunque un inetto a vivere, un morto in vita, si sente un diverso e un eterno incompreso; soffre di un male sottile e difficile da combattere, quel male che Montale definir “male di vivere” , contro cui tutto vano. Tristi e desolate sono queste memorie come del resto triste e desolata talvolta la natura umana. Capolavoro.
Voto: 5 / 5

17.05.2007 8 Commenti Feed Stampa