Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Intervista al correttore ortografico di Word

Intervista al correttore ortografico di Word

di Filippo Bologna

wordIl correttore di Word non un programma. Esiste. Io l’ho conosciuto. E l’ho intervistato. E’ uno strano tipo. Molto pi simile a un correttore di bozze che a un correttore eye liner.

E’ un precario, che lavora per Microsoft da molti anni ormai. Da Word 98 non ha preso nemmeno una lira di aumento. Ma non si lamenta. Anche perch di questi tempi, un posto alla Microsoft oro che cola. Cos lui si contenta. Fa il suo lavoro. E tira avanti. Come quelli che a scuola avrebbero potuto dare di pi ma si fermavano al seino striminzito. Il correttore di Word un tipo dimesso. Uno di quei colletti bianchi con l’alito un po’ pesante e i fianchi pingui. Ma tutto sommato un tipo a posto. E’ uno preciso, pignolo, pedante se vogliamo. Senn non sarebbe dov’. Ci siamo incontrati alla sede della Microsoft e abbiamo fatto due chiacchiere.
– Allora, facciamo un’intervista tipo quella de Le Iene.
– Tipo quale? (un po’ imbarazzato).
– Niente. Dai, cominciamo. Il tuo babbo che fa nella vita?
– Il conigliere comunale
– Il consigliere comunale?
– S. E’ pure frescone di nomina.
– Frescone?
– S. Nel senso che lo hanno appena nominato.
– Come sei entrato alla Microsoft?
– Ho cominciato come stragista, poi mi hanno assunto.
– Stagista.
– Esatto.
– I tuoi libri preferiti?
– Il giovane Golden e L’Orlando Curioso.
– Il giovane Holden e L’Orlando Furioso.
– E io che ho detto?
– Ok. Passiamo al cinema: il tuo regista preferito?
– Mmm… (ci pensa su). Belloccio.
– Chi?
– Belloccio. Quello dei pugni in tasca.
– Andiamo alla politica: come presidente meglio Ciampi o Napolitano?
– Carlo Azeglio Crampi.
– Ciampi.
– Crampi.
– Ciampi.
– Appunto.
– Vabb. Il pi grande intellettuale del Novecento?
– Pier Paolo Pisolini senza dubbio.
– Pasolini.
– Lui.
– E il tuo scrittore preferito?
– Foster Fallace.
– Dove te ne andresti in vacanza?
– Dove “te n’andresti”.
– ???
– L’uso di una forma apostrofata spesso migliora la leggibilit e la scorrevolezza del testo.
– Mah, se lo dici te. Insomma dove?
– Cancan, Messico.
– Vuoi dire Cancun, Messico.
– Ci sei stato anche te?
– …
– Finiamo col gioco dei sinonimi: io ti dico una parola e te vai a ruota libera?
– Pronto?
– Vai.
– “Invertito”.
– Omossesuale, gay, diverso, checca, finocchio orecchione, sodomita, rovesciato, culo.
– Andiamo avanti?
– No, mi sono rotto i ciglioni.


15.05.2007 Commenta Feed Stampa