Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Finzioni > Roghi

Roghi

di Stefano Antonelli

incendioQuesto racconto, Roghi. Chiunque lo legge prima mi chiede se faccio il pompiere, poi: ma tutto vero?. La verit che questa storia nasce da una chiacchierata con uno strano sovrintendente dei vigili del fuoco incontrato alla buvette di un centro congressi di Fiuggi. Uno che prima di andarsene mi ha detto: Sappia che, qualsiasi dimensione abbia linferno, b, io sono tecnicamente in grado di spegnerlo.

“L’edificio pi piccolo andato”. Questo lo ha detto la radio.
Per la cronaca, l’edificio pi piccolo , o meglio era, la dependance.
Vuota e disabitata.
Questo incendio avviene ogni quattro anni.
Inizia sempre tutto dal boschetto dietro la dependance.
Dove c il pozzo.
Prima la porta sul retro, poi gli infissi, le travi di sostegno e il tetto.
Alla fine per la struttura rimane sempre in piedi.
Il fatto che si tratta di un edificio in pietra del quattordicesimo secolo. Se sta l da settecento anni vuol dire che non lo butti gi cos facilmente.
Alla radio dico “Kalewsky, direzione di propagazione?”
Qualsiasi cosa mi risponder ora toccher al patio, poi alla villa vera e propria.
La radio dice “Nord, nord est”.
Funziona cos, non ci puoi fare niente.
Prima le cucine, poi il corridoio est e poi, come per incanto, sotto la statua di S. Ludovico da Tolosa finir tutto.
Dico “tirate gi il patio”. Anche se non serve a niente.
Ti svegli, porti i bambini a scuola, attacchi il turno di 115, arriva la chiamata sbagliata e, puff, sei bruciato.
La radio dice per il patio ci servono i frullini dice la copertura in legno ma la struttura in ferro.
Se sei un vice sovrintendente in valutazione per passare sovrintendente, una chiamata come questa non esattamente una buona notizia.
Significa: altri quattro anni da vice sovrintendente.
Se va bene.
Dico procedete col precipitante, da distanza, datemi i dati dellesplosimetro prima. Anche se non cambier nulla.
Alla fine diranno: corto circuito.
Diranno: autocombustione.
Non vero niente. E’ un problema che viene dal pozzo. Si sentono le voci. Qualcuno dice che il vento. Noi lo chiudiamo e ogni nuovo sindaco assetato di spazi espositivi lo fa riaprire. Dice che troppo bello per tenerlo chiuso.
E non ci puoi fare niente.
Puoi raffreddare le aree di propagazione, le puoi congelare, puoi sommergere i punti di Flash-over sotto ettolitri di CO2 e far nevicare polveri assorbenti per ore.
Questo genere di incendio non lo spegni.
La radio dice L’esplosimetro segnale un coefficiente di Handwick tra due punto cinque e tre. Che significa semplicemente che non esploder nulla. Ma gi lo sapevo.
Questo il tipo di incendio che si accende da solo e si spegne da solo. Che ci crediate o no.
Ok allora procedete dico, tanto per fargli fare qualcosa. Dico squadra uno, voi arginate sul versante nord.
Almeno il roseto rimane l dov.
In un turno pomeridiano di 115 ti aspetti gente chiusa fuori, una sospetta fuga di gas, al massimo un TML.
La maggior parte delle chiamate fuoco che riceviamo noi le chiamiamo TML che l’abbreviazione di TML-ITBLM: tu mi lasci-io ti brucio la macchina.
I proprietari delle macchine dicono: ritorno di fiamma, poi si spaventano quando esplodono gli airbag.
Dicono: sigaretta poi dovreste vedere la faccia che fanno quando vedono saltare in aria i cerchi in lega leggera e i pretensionatori delle cinture.
Il precipitante non fa effetto, questo dice la radio.
Un copione gi visto.
Dice non possibile, larea del patio brucia in assenza di ossigeno.
Ma va?
Alla radio dico le cucine sono bonificate vero? Bombole del gas, liquidi imbottigliati e sotto pressione, tutto in zona protetta vero?.
Confermo dice la radio.
Almeno evitiamo le esplosioni.
Una sigaretta noi la chiamiamo innescante.
Come una ex moglie un innescante, come un’amante lasciata un innescante.
Questo ti aspetti da un pomeriggio a Siena, non Villa Inferno che ti carbonizza le promesse fatte a tua moglie.
La radio dice Capo, qui le fiamme si stanno mangiando le tagliafuoco delle cucine.
Dico Aspettate che crolla il patio poi intervenite con la pompa a membrana dico schiumate lintero ambiente dalla finestra est. Come se servisse a qualcosa.
Nel distretto di Siena ci sono cinque chiamate che possono fottere un vice sovrintendente dei vigili del fuoco: Il teatro comunale, il battistero di Moteriggioni, Borgo S. Ermo, Le cantine del consorzio di Greve e villa Inferno.
La peggiore.
La mia.
La radio dice Ma il patio in ferro, non croller
Ah no?
Lo sento da qui il rumore della struttura che va in pezzi.
Sono luoghi che prendono fuoco cos, senza un motivo apparente.
Villa Inferno la chiamiamo noi cos, si chiama villa Ricasoli, del comune. L’hanno costruita nel milleseicento e oggi, al suo ventiduesimo incendio.
Alla radio dico ora la squadra uno ripulisce i detriti, la due pu intervenire con la pompa nelle cucine.
Cos almeno ci portiamo avanti con le pulizie.
A questo punto mi vado a godere il corridoio est in fiamme.
Il miracolo di S. Ludovico.
Mi tocca fare il giro largo, entro dalle stalle sul lato opposto.
Nel battistero di Monteriggioni l’innescante un dipinto dell’annunciazione. Sul fondo del dipinto dicono che quella cosa tondeggiante sospesa nel cielo sia una navicella spaziale. Prima stava nell’abside di S. Caterina e l’abside ha preso fuoco sei volte. Negli anni cinquanta l’hanno portata al battistero che, fino a oggi, andato in fiamme undici volte. Cos, senza motivo.
Dicono: specchi ustori.
Dicono: fuga di gas.
Nessuno dice: annunciazione. Ma tutti lo pensiamo.
Ecco, come se non bastasse arrivato il sindaco.
Martini come procede? dice
Dico Tra poco sar tutto finito, dico vuole venire con me?.
Vuole sapere se pericoloso. No che non pericoloso.
Il fatto che non abbiamo il respiratore, io e il sindaco, mi costringere a rompere ogni finestra che incontro.
Ogni vetro di villa Inferno che incrocio.
Certo, detto cos sembra un po vandalico ma il fumo dovr pur uscire da qualche parte.
Il teatro comunale di Siena invece di tipo autoinnescante, parecchi teatri lo sono. La Fenice e il Petruzzelli sono i pi famosi perch sono andati distrutti. Anni di indagini inutili, bastava chiedere a un qualsiasi pompiere ma Parma, Treviso, Arezzo, Brescia, Todi, l’Aquila. Tutte citt a rischio. Anche L’Ariston di Sanremo un autoinnescante. Solo che lo imbottiscono di amianto e ethernit. Ti becchi il tumore solo se lo guardi, per ti godi lo show.
Come successo? dice il sindaco.
Dico Non lo so, un corto circuito forse.
A Roma il chiostro del Bramante sfiamma che una bellezza ci puoi scaricare dentro tonnellate di P.I.A., Polvere Inerte Assorbente, brucia lo stesso.
Allassessore dico: Una sigaretta forse
Borgo S. Ermo stato ignifugato dal California Dept. of Fire.
Ha preso fuoco dopo un mese e mezzo.
L per innesca Savonarola in persona.
Allassessore dico: forse fuga di gas.
Dovete sapere che sulla piazza del borgo che tentarono di bruciarlo la prima volta il monaco ma quando diedero fuoco al rogo, le fiamme si propagarono per la piazza, i carretti e le case. Savonarola non fu neanche sfiorato.
Ma questo non lo raccontano nei libri di storia.
Allassessore dico autocombustione, raro ma succede
Uno dei pi famosi innescanti al mondo la Sindone. Dovunque l’hanno messa, il posto ha preso fuoco. Prima Chartres, in francia, poi il convento di Reims, sempre in francia e alla fine la cattedrale di Torino. Che ha preso fuoco cinque anni fa.
Marmo che prende fuoco, non so se mi spiego.
Capo c qualcosa che non va, la schiuma nelle cucine ha preso fuoco dice la radio.
Vatti a stupire.
Ed eccolo il corridoio est in fiamme.
Io e il sindaco ci mettiamo proprio accanto alla statua di S. Ludovico per vedere il fuoco che sta arrivando. E si spegne. Cos, senza motivo.
Quando usciamo c’ il sindaco che si guarda intorno, ci sono io che guardo la jeep rossa. Poi c’ lui che dice “ma chi che si lamenta?” dice “le sente queste voci”.
Dico “non sono voci, il vento” poi alla radio dico “Kalewsky? Chiudetemi quel pozzo eh?”
“Ok” dice la radio.
Ma non c vento Martini dice il sindaco.
Dico “Pensi assessore, noi il vento lo chiamiamo: accelerante” dico “provi a mischiare un innescante e un accelerante in un contenitore, lo sa cosa ottiene?”
L’assessore dice “no”
Una bomba.


24.04.2007 6 Commenti Feed Stampa