Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > L’ocarina di Lochmost

L’ocarina di Lochmost

di Edo Grandinetti

Enzo NativoL’Ocarina di Lochmost, Enzo Nativo, Mondadori Strade Blu.

Francesco Nanni è il custode del Museo dell’Ocarina di Budrio. Un giorno, tornato in tarda notte in Museo per riprendere l’iPod dimenticato a lavoro, assiste a una riunione della Setta di Lochmost, re delle Tenebre figlio di Astaroth, principe degli inferi figlio di Massaralph, padre di tutti i demoni del quarto girone di Gavarallon.
Francesco, aiutato dalla fascinosa agente FBI Barbara Smith, inizia un’avventura che da Budrio lo porterà a Torino, Roma e Gerusalemme, fino ad arrivare in Tibet, tra Santa Sindone, Sacro Graal, l’origine del Re del Mondo e l’occulto potere della Sacra Ocarina di Lochmost.
Il mondo vive un momento critico. L’eterna lotta tra il bene e il male giunge al tragico epilogo. Francesco è il prescelto e il pianeta è nelle sue mani.

“Dopo il successo de Il segreto della Spada di Astaroth, l’atteso ritorno di Enzo Nativo”. Il Corriere della Sera.
“Nativo continua a stupirci con avventure mozzafiato”. La Repubblica.


21.04.2007 4 Commenti Feed Stampa