Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > L’ocarina di Lochmost

L’ocarina di Lochmost

di Edo Grandinetti

Enzo NativoLOcarina di Lochmost, Enzo Nativo, Mondadori Strade Blu.

Francesco Nanni il custode del Museo dellOcarina di Budrio. Un giorno, tornato in tarda notte in Museo per riprendere liPod dimenticato a lavoro, assiste a una riunione della Setta di Lochmost, re delle Tenebre figlio di Astaroth, principe degli inferi figlio di Massaralph, padre di tutti i demoni del quarto girone di Gavarallon.
Francesco, aiutato dalla fascinosa agente FBI Barbara Smith, inizia unavventura che da Budrio lo porter a Torino, Roma e Gerusalemme, fino ad arrivare in Tibet, tra Santa Sindone, Sacro Graal, lorigine del Re del Mondo e locculto potere della Sacra Ocarina di Lochmost.
Il mondo vive un momento critico. Leterna lotta tra il bene e il male giunge al tragico epilogo. Francesco il prescelto e il pianeta nelle sue mani.

“Dopo il successo de Il segreto della Spada di Astaroth, l’atteso ritorno di Enzo Nativo”. Il Corriere della Sera.
“Nativo continua a stupirci con avventure mozzafiato”. La Repubblica.


21.04.2007 4 Commenti Feed Stampa