Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Finzioni > Dell’amicizia

Dell’amicizia

di Elisabetta Rubicone

– Ciao, come stai?
– Ciao! Sto bene grazie, e tu? Ma guarda te, quanto tempo!
– E s, passato qualche mese… Allora come stai?
– Bene, benissimo. Cio mi son lasciata da poco, ho perso il lavoro, e anche di salute non che per va tutto bene. Ma lo sai che sono felicissima di sentirti? Ci eravamo proprio perse di vista. A volte basta poco, basta avere qualche pensiero in pi e la telefonata che volevi fare la rimandi al giorno dopo e poi a quello dopo ancora e poi a quello dopo ancora finch passa un sacco di tempo e si perdono i contatti, senza un vero motivo. Ma dimmi, tu come stai? E tua mamma? E il tuo ragazzo? E il lavoro?
– Eh. bene, anch’io.
Senti, te la ricordi la Francesca?
– Ehm ma chi, la tua amica?
– S, lei. Francesca. Lo sai che si sposa, vero?
– No, non lo sapevo
– Eh, si sposa la settimana prossima.
– Che bello!
– Bene. Pensavo: ci staresti a farle il regalo insieme?
– Ehm, ma veramente non mi ha invitata
– Ah, be’… Senti… allora stato bello risentirsi.
Magari prima o poi ci si rivede, eh?


10.04.2007 28 Commenti Feed Stampa