- Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni - http://www.cabaretbisanzio.tk -

Slaforgue (tratto da: “Svariazioni”)

‘Nu cato ‘e colla è chistu piezzo ‘e munno
(nun date audienza all’ato: fessarìe!).
Fusse pe’ me, m’‘o chiejarria a libretto
pe’ mezza ‘e ‘ncuccià quieto ‘a ciorta mia.

Pe’ tramente c’aspetto ‘e arrivà ‘nfunno
(so sfastediuso e tengo che sbarià),
me fummo ‘nfaccia ‘o cielo ‘e sigarette
pe’ fà dispietto a chi m’ha miso ccà.

‘A briscola se joca senza diebbete
e ‘a ciucciarrìa và cchiù ‘e ‘nu terno a lotto:
‘o masto aiza ‘e cane ‘ncuollo ‘a plebba

e quanno ‘a plebba cerca ‘e arrevutà,
pe’ nun fernì a fà ‘n’atu quarantotto
‘o masto (‘e cane suoje) ‘e fà scamazzà.