Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Zibaldone > Slaforgue (tratto da: “Svariazioni”)

Slaforgue (tratto da: “Svariazioni”)

di Angelo Petrella

Nu cato e colla chistu piezzo e munno
(nun date audienza allato: fessare!).
Fusse pe me, mo chiejarria a libretto
pe mezza e ncucci quieto a ciorta mia.

Pe tramente caspetto e arriv nfunno
(so sfastediuso e tengo che sbari),
me fummo nfaccia o cielo e sigarette
pe f dispietto a chi mha miso cc.

A briscola se joca senza diebbete
e a ciucciarra v cchi e nu terno a lotto:
o masto aiza e cane ncuollo a plebba

e quanno a plebba cerca e arrevut,
pe nun fern a f natu quarantotto
o masto (e cane suoje) e f scamazz.


8.04.2007 Commenta Feed Stampa