Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Zibaldone > Siore e sioriiiii, su Cabaret Bisanzio… Selen !!!

Siore e sioriiiii, su Cabaret Bisanzio… Selen !!!

di Roberto Chilosi

selen.jpgCabernet byzantium, la rubrica del pop, rock, sex & sport esordisce con il personaggio cinematografico che, dal 1991, più ha influenzato il cinema italiano. Un personaggio troppo spesso ignorato, come capitato anche ad altri mostri sacri, dall’Academy Awards di Hollywood e che per quasi un decennio ci ha fatto commuovere, divertire, soprattutto eccitare.Noi tutti la ricordiamo, io le devo tanto tantissimo. E’ forse anche grazie a lei che oggi sono quello che sono: siore e sioriiiii su Cabaret Bisanzio… Luce Caponegro alias Selen!!!

“Vengo dall’hard e affermarmi non era semplice, se sono qui con questo film significa che sono una vera attrice” questo il sunto dell’intervista a Luce Caponegro, alias Selen, nata a Roma il 17/12/1966, regina incontrastata del porno italiano ed europeo per un decennio.
Proveniente da una buona famiglia dell’industria petrolifera (si noti il parallelo con l’altra grandissima, indimenticata, Moana), trasferitasi a Ravenna Luce sfugge alle rigide convenzioni e, probabilmente per esibizionismo, animata da spirito ribelle, inizia a esibirsi nei locali per adulti. Finché gira la prima, quasi amatoriale, pellicola hard, “Orgia di compleanno”.
Il salto di qualità che la proietterà nell’olimpo delle migliori e affermate porno star, avviene grazie al regista Alex Parry che le offre la partecipazione al film “Signore scandalose di provincia”. E’ il vero trampolino di lancio di una carriera che la vedrà interprete insuperabile di quasi quarantacinque pellicole hard, tra cui la splendida saga di Concetta Licata.
Poche meglio di lei hanno saputo interiorizzare la parte, far entrare il personaggio dentro sé, diventando tutt’uno con lui. Al pari dei migliori attori di Hollywood, Luce è riuscita a farsi molti personaggi assieme, anche contemporaneamente.
Poliglotta, sulla scena non ha mai avuto problemi di lingua, si è sempre lasciata prendere dalla parte riuscendo a far venire il pubblico ovunque si sia esibita; ha sempre lavorato duro, tenendo alta la bandiera del cinema italiano.
Nel 2001 Luce lascia il porno per dedicarsi alla televisione, al cinema impegnato e al teatro. Peccato.


28.03.2007 13 Commenti Feed Stampa