Letture

Cometa di Gregorio Magini

di Silvana Arrighi

16.05
2018
miniatura
“Il mio ricordo consiste di lampi, schegge di vetro e una cometa: per il resto ha sempre fatto fede la ricostruzione di mio nonno: passata la mezzanotte, di ritorno da una cena in agriturismo, a mezzo di una curva, il parabrezza della nostra Lanci fu colpito da un oggetto pesante ed esplose”[…] Mi salvai perché fui sbalzato fuori dal finestrino, che era aperto nonostante il fresco e il vento e

La vita finora di Raul Montanari

di Silvana Arrighi, in Letture

“Per raccontare quella che è stata forse l’unica vera avventura della mia vita, e di sicuro la più sinistra e impressionante, devo tornare con la memoria a quel primo viaggio che feci il 2 settembre del 2016, dopo aver accettato&hellip

8.05.2018 Commenti chiusi

Quando sarai nel vento di Gianfranco Di Fiore

di Ippolita Luzzo, in Letture

Il libro è stata candidato al Premio Strega e fino al 19 aprile, data della scelta dei 12 finalisti, sono stata convinta che avrebbe partecipato alla cinquina. Non è stato così e mi rammarico però penso che ci saranno altri&hellip

2.05.2018 Commenti chiusi

Cuori cicatrizzati di Max Blecher

di Massimo Sola, in Letture

L’autore del romanzo è un giovane talento rumeno o, per meglio dire, era un giovane talento perché Blecher è morto nel 1938 a soli ventinove anni; ma per noi, dato che il suo libro è stato da poco tradotto e&hellip

18.04.2018 Commenti chiusi

Nella colonia penale di Franz Kafka

di Massimo Sola, in Dissezioni

In un non ben precisato paese dei tropici, un viaggiatore è invitato da un ufficiale della colonia penale ad assistere alla condanna di un soldato che ha disobbedito a un ordine alquanto assurdo, fare il saluto alla porta del suo&hellip

10.04.2018 Commenti chiusi

Il buon vino del signor Weston di Theodore F. Powys

di Silvana Arrighi, in Letture

“Il 20 novembre 1923, alle tre e mezzo del pomeriggio, un furgone Ford di quelli comunemente usati in Inghilterra per consegnare merci nei distretti rurali, sostava davanti al Rod and Lion Hotel di Maidenbridge” […] “…le fiancate del furgone, come&hellip

29.03.2018 Commenti chiusi

Si scioglie di Lize Spit

di Massimo Sola, in Letture

Eva, la giovane insegnante protagonista del romanzo, intenzionata a fare i conti con il proprio passato, a chiudere una partita che è rimasta aperta come una ferita che il tempo non è riuscito a cicatrizzare tanto era profonda, accetta l’invito&hellip

28.03.2018 Commenti chiusi

  • La vita finora di Raul Montanari

    19.04.2018, di Enzo Baranelli

    Bisogna ringraziare Raul Montanari per aver scritto questo romanzo commovente e insieme rabbioso. La trama circonda a poco a poco il lettore e, unita a una scrittura limpida e ricca di presentimenti e presagi, dà vita a un racconto travolgente sulla natura del Male. Di certo l’avventura del professor Laurenti in un paese sperduto al termine di una cupa e feroce valle lombarda rimarrà a lungo nella mente del lettore, soprattutto dopo aver affrontato le ultime entusiasmanti pagine di questo romanzo straordinario. “La vita finora” è un libro imperdibile. Giudizio: 5/5 (Commenti disabilitati su La vita finora di Raul Montanari)
  • 1947 di Elisabeth Åsbrink

    6.04.2018, di Enzo Baranelli

    Un libro indispensabile. Mentre fa luce sull’anno 1947, l’autrice parla, come in un sottotesto lievemente nascosto, del nostro tempo. Oppure sono i nostri giorni che trovano uno specchio. Profughi e nuovi nazisti, la coniazione della parola genocidio, la nascita dello Stato di Israele, sono tante le tessere del puzzle che compongono “1947”; una lettura illuminata e illuminante. Elisabeth Åsbrink, “1947”, (trad. A. Borini), pp. 314, 18 €, Iperborea, 2018. Giudizio: 5/5. (Commenti disabilitati su 1947 di Elisabeth Åsbrink)
  • Tokyo Express di Seichō Matsumoto

    15.03.2018, di Enzo Baranelli

    Adelphi ha da poco pubblicato un poliziesco del Simenon giapponese, Seichō Matsumoto: un romanzo breve dal ritmo incalzante che ruota intorno all’orario dei treni. Costruito in maniera impeccabile “Tokyo Express” si dimostra ancora attualissimo sebbene fu pubblicato in Giappone nel 1958 (Takeshi Kitano ne ha tratto un film che riporta il titolo originale “Ten to sen”). La scrittura è limpida e lo svolgimento di straordinaria precisione. Seichō Matsumoto, “Tokyo Express” (trad. G. M. Follaco), pp. 175, Adelphi, 2018. Giudizio: 4/5. (Commenti disabilitati su Tokyo Express di Seichō Matsumoto)
  • Giudizi Universali

Altri post