12.11
2018
miniatura
Scrivere di Franco Rella, novità Jaca Book, è un libro insolito. È probabile che la locuzione «libro insolito» sia abusata; dirò allora che Scrivere di Franco Rella scaturisce da una fondamentale sterilità. Non è insolito che la sterilità produca? Asserisce Rella nel suo preambolo: «In un periodo di grande distretta, in cui sembrava – e sempre più spesso è così – che la lettura mi fosse preclusa, mi sono

La ballata di un piccolo giocatore di Lawrence Osborne

di Enzo Baranelli, in Letture

“E’ meglio di una vittoria, e lo sanno tutti che non si è giocatori veri finché segretamente non si preferisce perdere.” Doyle, protagonista e io narrante di questo eccezionale e ipnotico romanzo di Lawrence Osborne, è un piccolo avvocato di&hellip

31.10.2018 Commenti chiusi

Libro dei dispersi e dei ritornati di Lea Barletti

di Ippolita Luzzo, in Letture

Undici racconti brevi: fotografie di sconosciuti trovate da Lea Barletti in un baule a Berlino, come trovò le fotografie di un’altra grande fotografa, Vivian Maier, John Maloof, agente immobiliare, e diede vita al culto di immagini altrimenti scomparse. Dalle fotografie&hellip

23.10.2018 Commenti chiusi

Sonno bianco di Stefano Corbetta

di Silvana Arrighi, in Letture

Bianca ed Emma sono due bimbette delle elementari quando questa vicenda ha inizio, in una qualunque giornata invernale: contente e un po’ in ansia per la gita in montagna con la scuola, salgono sul pullman dopo un abbraccio ai genitori,&hellip

16.10.2018 Commenti chiusi

Il cielo comincia dal basso di Sonia Serazzi

di Roberta Frugoni, in Letture

«Ho deciso da un poco di appuntare sull’agenda la vita che faccio. E mi piace riempire fogli con sopra il numero del giorno: non ho tutto lo spazio e tutto il tempo, quindi è giusta una carta che contando me&hellip

25.09.2018 Commenti chiusi

Storia di Ásta di Jòn Kalman Stefànsson

di Silvana Arrighi, in Letture

“I genitori di Ásta, Helga e Sigvaldi, hanno scelto questo nome prima che nascesse, convinti che sarebbe stata una femmina, l’hanno tratto da Gente indipendente, un romanzo di Halldór Laxness uscito negli anni 1934-1935. […] Eppure si è tentati di&hellip

18.09.2018 Commenti chiusi

Contro i bei tempi andati di Michel Serres

di Lorenzo Leone, in Letture

Non troverete in questo recentissimo libretto intitolato (in italiano) “Contro i bei tempi andati” un’apologia del Progresso. Con stile discorsivo, non privo tuttavia di un pizzico di malizia, di ironia, Michel Serres ne appura invece l’ovvietà. Di più: il lettore&hellip

12.09.2018 Commenti chiusi

  • La vita finora di Raul Montanari

    19.04.2018, di Enzo Baranelli

    Bisogna ringraziare Raul Montanari per aver scritto questo romanzo commovente e insieme rabbioso. La trama circonda a poco a poco il lettore e, unita a una scrittura limpida e ricca di presentimenti e presagi, dà vita a un racconto travolgente sulla natura del Male. Di certo l’avventura del professor Laurenti in un paese sperduto al termine di una cupa e feroce valle lombarda rimarrà a lungo nella mente del lettore, soprattutto dopo aver affrontato le ultime entusiasmanti pagine di questo romanzo straordinario. “La vita finora” è un libro imperdibile. Giudizio: 5/5 (Commenti disabilitati su La vita finora di Raul Montanari)
  • 1947 di Elisabeth Åsbrink

    6.04.2018, di Enzo Baranelli

    Un libro indispensabile. Mentre fa luce sull’anno 1947, l’autrice parla, come in un sottotesto lievemente nascosto, del nostro tempo. Oppure sono i nostri giorni che trovano uno specchio. Profughi e nuovi nazisti, la coniazione della parola genocidio, la nascita dello Stato di Israele, sono tante le tessere del puzzle che compongono “1947”; una lettura illuminata e illuminante. Elisabeth Åsbrink, “1947”, (trad. A. Borini), pp. 314, 18 €, Iperborea, 2018. Giudizio: 5/5. (Commenti disabilitati su 1947 di Elisabeth Åsbrink)
  • Tokyo Express di Seichō Matsumoto

    15.03.2018, di Enzo Baranelli

    Adelphi ha da poco pubblicato un poliziesco del Simenon giapponese, Seichō Matsumoto: un romanzo breve dal ritmo incalzante che ruota intorno all’orario dei treni. Costruito in maniera impeccabile “Tokyo Express” si dimostra ancora attualissimo sebbene fu pubblicato in Giappone nel 1958 (Takeshi Kitano ne ha tratto un film che riporta il titolo originale “Ten to sen”). La scrittura è limpida e lo svolgimento di straordinaria precisione. Seichō Matsumoto, “Tokyo Express” (trad. G. M. Follaco), pp. 175, Adelphi, 2018. Giudizio: 4/5. (Commenti disabilitati su Tokyo Express di Seichō Matsumoto)
  • Giudizi Universali

Altri post