9.08
2020
Quando, nel 1950, Boris Vian e il suo editore finiscono sotto processo per oltraggio al buon costume, sia il sostituto procuratore sia Georges Izard (il difensore di Vian) faranno il nome di Charles Baudelaire.[1] Condannato o riabilitato, il poeta di Les Fleurs du mal resta la pietra di paragone, ma pure πέτρα σκανδάλου, di una letteratura legata al male; e d’altra parte «questo elemento del Male è assai manifesto nelle…

L’arte di volerti bene di Alberto Simone

di Rita Bompadre, in Letture

“L’arte di volerti bene” di Alberto Simone (Tea Edizioni, 2020) è un invito purificatore all’arte della cura, una saggia priorità esistenziale, in cui la necessità e l’urgenza del monito individuale a coltivare il bene, a riconoscere il valore potenziale della&hellip

21.07.2020 Commenti chiusi

I fratelli Tanner di Robert Walser

di Lorenzo Leone, in Dissezioni

Il n’estimait que la théologie, et avait un profond mépris pour la littérature. Renan, Souvenirs d’enfance et de jeunesse, Paris, 1897, p. 253.   Gli scrittori sono talvolta indotti, nei loro racconti, a parlare di ‘letteratura’. Capita cioè che la&hellip

4.07.2020 Commenti chiusi

L’unica notte che abbiamo di Paolo Miorandi

di Lorenzo Leone, in Letture

Invocare un’eternità anteriore è convincente quanto invocare una Infinità del Lato Destro. Borges   Nell’Unica notte che abbiamo, ultima fatica di Paolo Miorandi,[1] psicoterapeuta e garbato scrittore (di cui s’era recensito poco tempo fa il suo libro su Walser),[2] la&hellip

29.06.2020 Commenti chiusi

La danza della parola di Giulio Giorello

di Lorenzo Leone, in Letture

… as mine and worth as much. That is to say, worth a brass farthing. Mark Twain Che cosa non si è ancora detto dell’ironia (pro et contra oppure pro aut contra)? Figura della distanza, sebbene sentimentale, indi raffreddamento del&hellip

23.06.2020 Commenti chiusi

Frammenti sull’amore di María Zambrano

di Lorenzo Leone, in Dissezioni

Con il titolo Frammenti sull’amore, Mimesis, nella collana ‘Minima/Volti’, ha fatto uscire qualche anno fa, nel 2011, un volumetto che raccoglie due piccoli scritti di María Zambrano: il primo intitolato Due frammenti sull’amore (Dos fragmentos sobre el amor); il secondo,&hellip

18.06.2020 Commenti chiusi

Configurazione Tundra di Elena Giorgiana Mirabelli

di Lorenzo Leone, in Letture

Un primo assunto: fra congegnare una distopia e congegnare un’utopia non passa poi tutta questa differenza. E, in effetti, una distopia non è che un’anti-utopia o anche un’utopia ‘sospetta’. Nell’uno e nell’altro caso le ‘forme’ politiche (istituzioni, regimi, carismatici leaders)&hellip

14.06.2020 Commenti chiusi

  • La casa mangia le parole di Leonardo G. Luccone

    7.11.2019, di Enzo Baranelli

    Grande esordio nel romanzo di Leonardo G. Luccone  con “La casa mangia le parole” (edito da Ponte alle Grazie). Dialoghi superbi come è raro incontrarne nella letteratura italiana contemporanea. La storia parla della crisi coniugale tra i coniugi De Stefano, ma non solo, anzi grazie al personaggio di Moses, un hacker (semplifico) fuggito dall’America all’Italia che parla di tutto il suo passato e della lotta ai siti istituzionali e soprattutto dell’ambiente (la società di Roma dove lavora insieme a De Stefano si occupa di bioedilizia e pannelli solari e pale eoliche ecc.). Ci sono splendidi cambi di registro che movimentano l’intera opera. Belli i passaggi dal presente al passato. Man mano che si avanza verso la fine, la scrittura si fa più tesa, quasi per prepararci a un finale inaspettato ed esageratamente crudele. A tratti dispersivo, si sarebbe potuto tagliare qualche pagina, e presentare un romanzo più snello ed elegante. Rimane un’opera pregevole. Leonardo G. Luccone, “La casa mangia le parole“, pp. 528, 18 €, Ponte alle Grazie, 2019. Giudizio: 4/5. (Commenti disabilitati su La casa mangia le parole di Leonardo G. Luccone)
  • La vita finora di Raul Montanari

    19.04.2018, di Enzo Baranelli

    Bisogna ringraziare Raul Montanari per aver scritto questo romanzo commovente e insieme rabbioso. La trama circonda a poco a poco il lettore e, unita a una scrittura limpida e ricca di presentimenti e presagi, dà vita a un racconto travolgente sulla natura del Male. Di certo l’avventura del professor Laurenti in un paese sperduto al termine di una cupa e feroce valle lombarda rimarrà a lungo nella mente del lettore, soprattutto dopo aver affrontato le ultime entusiasmanti pagine di questo romanzo straordinario. “La vita finora” è un libro imperdibile. Giudizio: 5/5 (Commenti disabilitati su La vita finora di Raul Montanari)
  • 1947 di Elisabeth Ã…sbrink

    6.04.2018, di Enzo Baranelli

    Un libro indispensabile. Mentre fa luce sull’anno 1947, l’autrice parla, come in un sottotesto lievemente nascosto, del nostro tempo. Oppure sono i nostri giorni che trovano uno specchio. Profughi e nuovi nazisti, la coniazione della parola genocidio, la nascita dello Stato di Israele, sono tante le tessere del puzzle che compongono “1947”; una lettura illuminata e illuminante. Elisabeth Åsbrink, “1947”, (trad. A. Borini), pp. 314, 18 €, Iperborea, 2018. Giudizio: 5/5. (Commenti disabilitati su 1947 di Elisabeth Åsbrink)
  • Giudizi Universali
  • Titoli

    24.06.2011, di Enzo Baranelli

    Dopo “Il negoziatore”, “L’allieva”, “L’esecutore”, “L’attentatore”, “Il suggeritore”, “L’adepto”, “Il carnefice”, “Il divoratore” arriva L’INFORMAZIONISTA! Rizzoli è sempre un passo avanti…… (Commenti disabilitati su Titoli)
  • Una catastrofe del giornalismo

    14.01.2010, di tamas

    A voi studenti di discipline giuridiche che avete difficoltà a comprendere le fattispecie di reato, “Il Giornale” mostra oggi un esempio di falso ideologico. Perché non solo non è vero che il terremoto di Haiti è colpa dell’anticapitalismo, ma non è vero neanche che ad Haiti non sono capitalisti: solo che sono capitati dalla parte sbagliata del capitalismo.… (Commenti disabilitati su Una catastrofe del giornalismo)
  • Scambio alla pari

    20.10.2009, di

    ULTIMORA ANSA: lo scambio alla pari chiude la trattativa: nella prossima stagione Piero Grasso guiderà la mafia, Matteo Messina Denaro l’antimafia. Soddisfatte le società.… (Commenti disabilitati su Scambio alla pari)
  • Bysanzino

Altri post