Letture

Dolore di V.S. Naipaul

di Lorenzo Leone

8.04
2020
miniatura
Il primo numero della collana ‘Microgrammi’ di Adelphi, collana di testi digitali ‘conseguenza’ delle attuali circostanze disgraziate, è un piccolo testo di V.S. Naipaul. Secondo la concisissima e ‘icastica’ nota editoriale lo scritto, che è apparso sul «New Yorker» il 6 gennaio 2020, sarebbe uno dei suoi «più diretti e personali». Titolo (icastico del pari): DoloreGrief nell’originale, che tuttavia significa anche lutto; e in effetti vi è…

Tu sei l’erba e la terra di Antonia Pozzi

di Rita Bompadre, in Letture

“Tu sei l’erba e la terra” di Antonia Pozzi (Garzanti Editore 2020) è una dichiarazione indistinta di solitudine sfumata nel disincanto dell’anima, appassionata e struggente, in un’unica e sconfinata poesia d’amore che la poetessa ha rivelato per tutta la sua&hellip

7.04.2020 Commenta

L’imitazion del vero di Ezio Sinigaglia

di Lorenzo Leone, in Letture

Dirà così, abbastanza provocatoriamente il recensore di questo libro, che per comprendere L’imitazion del vero di Ezio Sinigaglia occorre aver letto il Sofista di Platone. Dirà così, e subito revocherà il ‘detto’ – lo ha fatto – per non scoraggiare&hellip

18.03.2020 Commenti chiusi

Nulla di ordinario su Wislawa Szymborska di Michal Rusinek

di Rita Bompadre, in Letture

Il libro di Michal Rusinek “Nulla di ordinario su Wislawa Szymborska” (Adelphi Edizioni) è una memorabile e privilegiata visita alla spontanea ed affabile dimora della poesia, luogo devoto dell’ispirazione e placida permanenza dello stupore e dell’immensità, nell’inattesa meraviglia di  ogni&hellip

11.03.2020 Commenti chiusi

La testata di Zidane di Fabrizio Ottaviani

di Lorenzo Leone, in Letture

La collana di saggi Centotrentacinque (Mattioli 1885, in tiratura limitata) diretta da Filippo Tuena ci offre ancora un ‘risultato’ inaspettato e felicissimo con questo volumetto (pagine 85) di Fabrizio Ottaviani. Tecnicamente brillante, ingegnoso, La testata di Zidane, questo il titolo,&hellip

3.03.2020 Commenti chiusi

Lo scrivano di Nietzsche di Fabrizio Coscia

di Lorenzo Leone, in Letture

Così Franziska Oehler, madre di Nietzsche, a Overbeck il 28 di marzo del 1895: «Chissà che voi due, i migliori amici di mio figlio, non dobbiate intervenire anche in favore di sua madre, che ha curato completamente da sola la&hellip

17.02.2020 Commenti chiusi

Le affaccciate di Caterina Perali

di Silvana Arrighi, in Letture

A volte i libri ti vengono incontro, portando con sé interessanti coincidenze. Quando ho iniziato la lettura di questo romanzo avevo appena terminato di leggere Gli anni di Annie Ernaux, non mi è quindi stato difficile riconoscere al primo sguardo&hellip

10.02.2020 Commenti chiusi

  • La casa mangia le parole di Leonardo G. Luccone

    7.11.2019, di Enzo Baranelli

    Grande esordio nel romanzo di Leonardo G. Luccone  con “La casa mangia le parole” (edito da Ponte alle Grazie). Dialoghi superbi come è raro incontrarne nella letteratura italiana contemporanea. La storia parla della crisi coniugale tra i coniugi De Stefano, ma non solo, anzi grazie al personaggio di Moses, un hacker (semplifico) fuggito dall’America all’Italia che parla di tutto il suo passato e della lotta ai siti istituzionali e soprattutto dell’ambiente (la società di Roma dove lavora insieme a De Stefano si occupa di bioedilizia e pannelli solari e pale eoliche ecc.). Ci sono splendidi cambi di registro che movimentano l’intera opera. Belli i passaggi dal presente al passato. Man mano che si avanza verso la fine, la scrittura si fa più tesa, quasi per prepararci a un finale inaspettato ed esageratamente crudele. A tratti dispersivo, si sarebbe potuto tagliare qualche pagina, e presentare un romanzo più snello ed elegante. Rimane un’opera pregevole. Leonardo G. Luccone, “La casa mangia le parole“, pp. 528, 18 €, Ponte alle Grazie, 2019. Giudizio: 4/5. (Commenti disabilitati su La casa mangia le parole di Leonardo G. Luccone)
  • La vita finora di Raul Montanari

    19.04.2018, di Enzo Baranelli

    Bisogna ringraziare Raul Montanari per aver scritto questo romanzo commovente e insieme rabbioso. La trama circonda a poco a poco il lettore e, unita a una scrittura limpida e ricca di presentimenti e presagi, dà vita a un racconto travolgente sulla natura del Male. Di certo l’avventura del professor Laurenti in un paese sperduto al termine di una cupa e feroce valle lombarda rimarrà a lungo nella mente del lettore, soprattutto dopo aver affrontato le ultime entusiasmanti pagine di questo romanzo straordinario. “La vita finora” è un libro imperdibile. Giudizio: 5/5 (Commenti disabilitati su La vita finora di Raul Montanari)
  • 1947 di Elisabeth Ã…sbrink

    6.04.2018, di Enzo Baranelli

    Un libro indispensabile. Mentre fa luce sull’anno 1947, l’autrice parla, come in un sottotesto lievemente nascosto, del nostro tempo. Oppure sono i nostri giorni che trovano uno specchio. Profughi e nuovi nazisti, la coniazione della parola genocidio, la nascita dello Stato di Israele, sono tante le tessere del puzzle che compongono “1947”; una lettura illuminata e illuminante. Elisabeth Åsbrink, “1947”, (trad. A. Borini), pp. 314, 18 €, Iperborea, 2018. Giudizio: 5/5. (Commenti disabilitati su 1947 di Elisabeth Åsbrink)
  • Giudizi Universali
  • Titoli

    24.06.2011, di Enzo Baranelli

    Dopo “Il negoziatore”, “L’allieva”, “L’esecutore”, “L’attentatore”, “Il suggeritore”, “L’adepto”, “Il carnefice”, “Il divoratore” arriva L’INFORMAZIONISTA! Rizzoli è sempre un passo avanti…… (Commenti disabilitati su Titoli)
  • Una catastrofe del giornalismo

    14.01.2010, di tamas

    A voi studenti di discipline giuridiche che avete difficoltà a comprendere le fattispecie di reato, “Il Giornale” mostra oggi un esempio di falso ideologico. Perché non solo non è vero che il terremoto di Haiti è colpa dell’anticapitalismo, ma non è vero neanche che ad Haiti non sono capitalisti: solo che sono capitati dalla parte sbagliata del capitalismo.… (Commenti disabilitati su Una catastrofe del giornalismo)
  • Scambio alla pari

    20.10.2009, di

    ULTIMORA ANSA: lo scambio alla pari chiude la trattativa: nella prossima stagione Piero Grasso guiderà la mafia, Matteo Messina Denaro l’antimafia. Soddisfatte le società.… (Commenti disabilitati su Scambio alla pari)
  • Bysanzino

Altri post